1979. Gli invincibili sostituiscono con difficoltà Happy Days. Dal creatore di UFO, una nuova serie tv con attori in carne e ossa

Gli Invincibili 2

Nel 1979 il telefilm Gli invincibili (The protectors) ricevette sul TV1 (poi Rai 1) il difficile compito di sostituire alle 19.20 nel cuore dei telespettatori Happy Days. Impresa che riuscì solo in parte.

Quel 22 febbraio

Gli invincibili andò in onda per la prima volta in Italia il 22 febbraio 1979 con La veloce volpe bruna (The Quick Brown Fox, 1×7). Nell’episodio i tre protagonisti devono vedersela con cinque nazisti fuggiti all’estero.

Tutta un’altra storia

Va da sé che le trame de Gli invincibili erano ben altra cosa, rispetto alle atmosfere spassose raccontate nella serie con Richie Cunningham (Ron Howard, 1954) e soci.

  • La restaura persiane
    Pubblicità

Intrighi internazionali

Le avventure spaziavano dal semplice rapimento fino a giungere a casi contorti d’intrighi internazionali.

Gradimento moderato

Il pubblico italiano diviso a quell’ora tra grandi e piccoli, in attesa alle 19.45 dell’ Almanacco del giorno dopo seguito da oltre dieci milioni di telespettatori, mostrò di gradire moderatamente Gli invincibili.

Solo 24 episodi

La Rai, infatti, propose dal lunedì al sabato solo 24 dei 52 episodi da 25 minuti l’uno della serie, divisi in 2 stagioni. L’ultimo andato in onda il 26 marzo 1979.

Gli Invincibili 4

Sceneggiatura affrettata

Proprio per la durata di soli 25 minuti, invece dei soliti 45/50, la sceneggiatura de Gli invincibili risultava spesso affrettata e sviluppata in modo illogico.

  • 70-80.it podcast
    Pubblicità

Sequenza stravolta

Non è dato di sapere, inoltre, perché la sequenza delle puntate de Gli invincibili in Italia venne stravolta rispetto a quella originale.

Cambio di rete

Dal settembre 1980 i rimanenti episodi furono programmati da Canale 5. Tranne uno, Quin, che restò inedito per l’Italia.

Gli Invincibili 5

Gerry Anderson

Gli invincibili rappresentarono l’unico telefilm non fantascientifico creato da Gerry Anderson (1929-2012) e il secondo dopo UFO con attori in carne ed ossa a seguire l’esperienza con le marionette elettroniche.

L’esordio

Prodotto dalla ITC Entertainment di Lew Grade (1906-1998), la serie fu trasmessa per la prima volta in Gran Bretagna tra il 1972 e il 1973.

  • Voci alla radio
    Pubblicità

 

Grande successo…all’estero

Gli invincibili resta una delle serie di maggior successo firmate dallo sceneggiatore e produttore televisivo britannico. Il telefilm fu trasmesso anche in Francia, Germania e Stati Uniti.

Come The Persuaders

Proprio come Attenti a quei due (The persuaders) in onda nello stesso periodo, Gli invincibili era ambientato in numerose località esotiche. Per compensare i costi si decise di girarlo in 16 mm invece dei tradizionali 35 mm.

Gli Invincibili 3

Investigatori molto speciali

Sebbene il titolo originale The protectors faccia pensare a delle guardie del corpo, Gli invincibili racconta, invece, le avventure in giro per il mondo di tre investigatori molto speciali.

The protectors

I tre, tutti molto ricchi, fanno parte dell’organizzazione segreta The protectors, con sede a Londra, che ha il compito di garantire la protezione delle persone innocenti.

Gli Invincibili

Harry Rule

Protagonista de Gli invincibili è il capo del trio Harry Rule (Robert Vaughn,1932-2016). Egli possiede a Londra un’azienda molto efficiente e con lui c’è Suki (Yasuko Nagazumi,1943) segretaria giapponese esperta d’arti marziali.

Come James Bond

Harry Rule, si sposta, inoltre, su una splendida auto: la Jensen Interceptor, degna dell’Aston Martin di James Bond.

Paul Buchet

Della squadra fa parte anche Paul Buchet. Esperto di moderne tecnologie, il personaggio lavora a Parigi ed è interpretato da Tony Anholt (1941-2002), divenuto poi Tony Verdeschi nella seconda stagione di Spazio 1999.

  • 70-80.it app

Caroline di Contini

A Roma, invece, dove gestisce un’agenzia investigativa specializzata nel recupero di opere d’arte rubate, si trova la contessa Caroline di Contini (Nyree Dawn Porter, 1936-2001).

Chino

A farle da cameriere, autista e guardia del corpo c’è Chino (Anthony Chinn, 1930-2000), che viene dalla Mongolia.

  • Ascolta 70 80 Hits HQ!

Carlo Delle Piane

Proprio a Roma si svolge Non vedere il male (See no evil) trasmesso da Canale 5 il 2 luglio 1981, episodio dove Gli invincibili devono proteggere un senatore in pericolo. Fra gli interpreti nel ruolo di un terrorista, c’è l’attore Carlo Delle Piane (1936-2019).

Litigi sul set

Gerry Anderson nella sua biografia raccontò che Robert Vaughn si comportava come prima donna di Hollywood, litigando spesso con gli altri attori. Lo stesso Vaughn definì Gli invincibili: “Spazzatura insapore”.

Le sigle

Del telefilm divenne famosa anche la sigla iniziale Avenues And Alleyways, firmata da Tony Christie (1943). Mentre in Italia ebbe successo quella finale: Identikit, cantata da Jimmy Fontana (1934-2013). (E.M. per 70-80.it)

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità

 


ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.