Anni 60. La moda dei musicarelli inverte la sequenza cinematografica: il film parte dalla colonna sonora. Boom per Gianni Morandi & C.

musicarelli

La trama dei musicarelli (acronimo di musicacarosello nato negli studios cinematografici romani negli anni ’60) era (quasi) sempre esile. D’altra parte, non era il film a lanciare la colonna sonora, ma la canzone (già) di successo su cui, in fretta e furia, si costruiva la pellicola. In sostanza, i musicarelli erano antesignani dei videoclip.

musicarelli

Effetti comici e recitazione approssimativa dei musicarelli

Gli effetti del modello erano spesso esilaranti; anche perché non era affatto detto che un bravo cantante fosse anche un altrettanto valido attore; anzi. Peraltro, la necessità di cavalcare il successo musicale (spesso di pochi mesi), imponeva la realizzazione del film in cinque o sei settimane. Con inevitabili deroghe alla qualità della pellicola.

  • 70-80.it app

Matusa e capelloni

Inoltre, dato il target di riferimento (generalmente i giovani), accadeva spesso che i musicarelli si riducessero al canzonamento dei matusa (gli adulti) da parte dei capelloni (i giovani), nell’ambito dei consueti contrasti generazionali.

  • Alexa: apri Musica 70 80!
    Pubblicità

Mare & amore

L’ambientazione era spesso balneare o metropolitana, radicata sulle classiche vicissitudini sentimentali del protagonista. Con scontato lieto fine basato sulla hit che quasi sempre formava anche il titolo civetta del film.

  • 70-80.it app

Trama (quasi sempre) inesistente

La trama, come detto, era spesso insignificante e, d’altra parte, gli spettatori erano perlopiù attratti dalla possibilità di vedere le esibizioni dei cantanti più che assistere alle vicende narrate.

  • Alexa: apri Musica 70 80!
    Pubblicità

L’alba

L’esordio dei musicarelli risale alla fine degli anni ’50 e l’apice è raggiunto nella seconda metà dei ’60, con l’apoteosi della musica beat.

musicarelli

I musicarelli più famosi

Tra le pellicole d’esordio sono da annotare I ragazzi del juke-box (1959) – costruito sulla canzone di Adriano Celentano (1938), edita sul lato B del disco a 45 giri che comprende anche Il tuo bacio è come un rock – e gli Urlatori alla sbarra (1960) – fondato su brani di Celentano e Mina (Mina Anna Maria Mazzini, 1940) e trama incentrata sui cosiddetti teddy-boys –.

musicarelli

Esempi

Esempi classici di musicarelli elaborati intorno a brani di successo sono anche Lisa dagli occhi blu dalla canzone di Mario Tessuto (Mario Buongiovanni, 1943), Nessuno mi può giudicare con Caterina Caselli (1946) e Zum Zum Zum – La canzone che mi passa per la testa (1968), dalla sigla di Canzonissima 68, lanciata da Sylvie Vartan (1944) e Mina.

  • 70 80 action Google Home
    Pubblicità

I protagonisti

Tra i principali protagonisti dei musicarelli, in breve si susseguono: Gianni Morandi (1944), Little Tony (Antonio Ciacci, 1941-2013), Al Bano (Albano Antonio Carrisi, 1943), Rita Pavone (Rita Ori Filomena, 1945), Mal (Paul Bradley Couling, 1944), Tony Renis (Elio Cesari, 1938), Bobby Solo (Roberto Satti, 1945) e Orietta Berti (Orietta Galimberti, 1943).

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità

Il tramonto

L’ultima produzione rilevante tra i musicarelli è del 1970:  Lady Barbara, basato sul brano di Renato dei Profeti (Renato Brioschi, 1948).

  • Qui Radio Libere
    pubblicità