1977. Saturday Night Fever, il film e la colonna sono sottovalutati dal produttore. Diventano icone della disco music e di un intero periodo storico

Saturday Night 1

Oggi sembra incredibile, ma in Saturday Night Fever nessuno credeva: dal produttore Stigwood ai Bee Gees. Che non avevano affatto (come molti pensano) scritto ed arrangiato la famosissima colonna sonora per il film. Il quale, anzi, avrebbe dovuto essere un musical sui Beatles. Così, controvoglia e con un budget ridotto, nacque una pietra miliare del cinema e della musica.

  • 70-80.it podcast

E’ storia

Il 16 dicembre 1977 a una settimana dalla colonna sonora, usciva nei cinema americani Saturday Night Fever, in Italia La febbre del sabato sera arrivò il 13 marzo 1978. Con 41 milioni di dischi venduti e quasi 240 milioni d’incasso nei botteghini di tutto il mondo, viene difficile credere che un simile trionfo nacque sotto cattivi auspici.

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità

I Bee Gees

E’ noto come il trio australiano dei Bee Gees: Barry Gibb (1946), Robin Gibb (1949-2012) e Maurice Gibb (1949-2003), ebbe un ruolo fondamentale nel raggiungimento di un successo che nemmeno loro si aspettavano.

  • La restaura persiane
    Pubblicità

Robert Stigwood

Come dichiarò Maurice Gibb al Los Angeles Times, i tre Bee Gees furono coinvolti dal produttore Robert Stigwood (1934-2016) nel progetto Saturday Night Fever mentre si trovavano in Francia, senza conoscere la trama del film. I brani inseriti nel doppio album dovevano, infatti, fare parte in realtà del loro nuovo disco.

Saturday Night 3

La colonna sonora

Grazie ai nuovi  Stayin’ Alive, How Deep is Your Love, Night Fever, More Than a Woman e If I Can’t Have You cantata anche da Yvonne Elliman (1951), inclusi nei 17 brani che componevano la colonna sonora assieme ad altri già editi, i Bee Gees si apprestarono a conquistare le classifiche mondiali.

Saturday Night 4

Il titolo

Robert Stigwood avrebbe voluto intitolare il film Saturday Night, ma ai Bee Gees non piaceva. Preferivano Night Fever, come il brano composto per la colonna sonora. Alla fine le due parti si accordarono attraverso un compromesso: Saturday Night Fever.

  • 70 80 action Google Home
    Pubblicità

Film/Musical

Dal 1975 Robert Stigwood aveva concentrato tutti i suoi sforzi su un film/musical con le canzoni dei Beatles cantate da numerosi artisti fra cui gli stessi Bee Gees, del costo di 12 milioni di dollari.

  • Alexa: apri Musica 70 80!

Una miniera d’oro

Il produttore si trovò tra le mani il progetto Saturday Night Fever senza dargli troppa importanza, investendo un budget relativamente basso quasi 4 milioni di dollari. Non si rese subito conto d’aver scoperto una miniera d’oro. Mentre il film e relativa colonna sonora del musical Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band, usciti nel 1978 si rivelarono un flop.

Saturday Night

La copertina

La stessa copertina dell’album Saturday Night Fever fu realizzata alla bell’e meglio. I Bee Gees presenti con la splendida foto di Francesco Scavullo (1921-2004), in un primo momento neanche sapevano che vi sarebbero comparsi.

  • Ascolta 70-80.it!

Il lavoro grafico

Il lavoro grafico realizzato senza troppe pretese cercava di mettere nelle giuste proporzioni la foto del trio australiano con quella del protagonista John Travolta (1954), nel ruolo di Tony Manero sulla pista da ballo. Il risultato fu piuttosto grossolano. Eppure anche la copertina del disco entrò nella storia.

  • 70-80.it podcast

Successo planetario

Nonostante lo scetticismo della produzione, Saturday Night Fever portò la disco music in tutto il mondo, segnando profondamente la seconda metà degli anni ’70. (E.M per 70-80.it)

  • 70-80.it app

 

 


Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_allowed_services
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_cookies_declined

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi

ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.