Anni 70. Mina mì, la matita trendy che avrebbe dovuto mandare in pensione il temperino

Mina mì

Correvano i primi anni 70 e negli astucci dei bambini più trendy dell’epoca faceva sicuramente bella mostra di sé una meravigliosa invenzione che non ha avuto il successo che forse meritava: la Mina mì.

Mina mì, target: pensionare i temperini

Nata con l’idea di pensionare tutti i temperini e le matite classiche, questo rivoluzionario strumento di scrittura era composto da dieci cartucce con la punta di grafite, che si infilavano una dentro l’altra.

  • La restaura persiane
    Pubblicità

Matita a cartucce

Quando la cartuccia di punta si era esaurita, veniva tolta ed infilata nella parte posteriore, favorendo l’uscita di una cartuccia nuova con la grafite appuntita. Pronta per essere utilizzata.

Mina mì

Cara matita

Una innovativa concezione che, per i tempi, non era tuttavia di certo a buon mercato: la Mina mì costava infatti 100 lire. A conti fatti (comprese le cartucce) ben più di una matita normale.

  • La restaura persiane
    Pubblicità

Alla prova dei fatti…

Il suo prezzo e la sua scarsa durata ne sancirono ben presto il tramonto. Dal punto di vista pratico, infatti, la Mina mì non valeva la metà di una matita tradizionale: durava meno e costava di più!

… la vittoria del temperino

Malgrado la fugace apparizione sul mercato e il suo scarso successo, la Mina mì rimane ancora uno degli oggetti cult degli scolari di quegli anni. (M.A.G. per 70-80.it)

  • Quei favolosi anni 70 di Enzo Mauri
    Pubblicità

L’autore

Massimo Adriano Gallina abita da sempre a Milano ed è, orgogliosamente, un boomer, oltre che un insegnante, un giornalista pubblicista ed un DJ. Per lui, il mondo è finito nel 1989.

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità


ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.