1979. Ivan Graziani pubblica Agnese. Nel 1988 molti diranno che Phil Collins l’ha plagiata con la sua A groovy kind a love. Ma non è così

Ivan Graziani

Nel 1979 il cantautore e chitarrista abruzzese Ivan Graziani (1945-1997), due anni dopo il clamoroso successo di Lugano addio, pubblica una delle sue più belle canzoni: Agnese, che intitola anche l’album che la contiene.
9 anni dopo Phil Collins (1951) dà alle stampe A groovy kind of love.

Buster

Brano inserito nella colonna sonora del film Buster, sulla storia del noto ladro londinese Buster Edwards (1931-1994) e del suo ruolo nell’assalto al treno postale Glasgow-Londra del 1963 e che vedeva Collins nel ruolo del protagonista.

  • 70-80.it app

Phil Collins ha plagiato Ivan Graziani

E subito in molti dicono che Phil Collins ha plagiato Ivan Graziani. Ma le cose, come spesso accade nella musica, non stanno così.

Mindbenders e Camaleonti

Intanto, a ben guardare, A groovy kind of love di Collins è una cover di un pezzo dei Mindbenders del 1963, a sua volta cantato in italiano nel 1966 dai Camaleonti col titolo Non c’è più nessuno.

  • Alexa: apri Musica 70 80!
    Pubblicità

Muzio Clementi

Ma, cosa ben più importante, la melodia di Agnese (così come quella dei brani dei Mindbenders, dei Camaleonti e quindi di Phil Collins) è stata dichiaratamente tratta dalla Sonatina in Sol maggiore di Muzio Clementi (1751-1832).

I Beatles

C’è poi un’altra curiosità che riguarda il brano di Ivan Graziani: il primo verso della canzone, “Se la mia chitarra piange dolcemente”, è un esplicito riferimento alla canzone dei Beatles While My Guitar Gently Weeps, scritta e cantata da George Harrison (1943-2001), autore al centro di un clamoroso caso – questo sì – di plagio di cui ci siamo occupati relativamente al suo famoso pezzo My sweet lord.

  • 70 80 action Google Home
    Pubblicità