1981. Quando Tele Monte Carlo faceva scuola. Il Buggzzum e Gli affari sono affari anticiparono il successo dei giochi serali sui principali canali nazionali

Tele Monte Carlo 1

Dopo il successo di Paroliamo, nei primi anni ’80 Tele Monte Carlo, il canale italiano a trazione franco-monegasca, propose ancora nella fascia serale dei quiz televisivi che in seguito ispirarono analoghe trasmissioni.

Il Buggzzum

Come in un film di spionaggio con tanto di colonna sonora ad hoc, il protagonista della sigla a bordo di una Rolls-Royce trasportava il montepremi sotto forma di valigetta piena di soldi fino agli studi televisivi. Cosi iniziava su Tele Monte Carlo Il Buggzzum.

  • La restaura persiane
    Pubblicità

Jacques Antoine

Il gioco era una delle creature di Jacques Antoine (1924-2012) autore televisivo, nonché direttore dei programmi nella Tele Monte Carlo francese dal 1963 al 1977. Co-ideatore fu anche Noel Coutisson fondatore della Radio Monte Carlo italiana.

L’oggetto misterioso

Tele Monte Carlo trasmetteva il quiz a premi tutte le sere dal lunedì al sabato dalle 20.00 per circa mezz’ora. Protagonista era la foto di un oggetto misterioso difficile da comprendere, proprio come la parola Buggzzum.

Tele Monte Carlo 3

Roberto Arnaldi

Alla conduzione del gioco di Tele Monte Carlo c’era Roberto Arnaldi (1941-2012), detto Robertino, noto anche ai radioascoltatori per la parlantina a raffica. Con lui vi era Daniela Palandri (1957), sua partner di conduzione anche a Radio Monte Carlo.

Affermo o Escludo

Il Buggzzum di Tele Monte Carlo prevedeva che sette concorrenti in studio, per azzeccare l’oggetto, dicessero la parola  affermo e, usando definizioni insolite, cercassero di capire cosa fosse. Con la stessa modalità, dicendo escludo, spiegavano cosa secondo loro non potesse essere.

  • La restaura persiane
    Pubblicità

Diecimila lire

Per ogni affermazione ritenuta valida sotto l’insindacabile giudizio di un notaio, il concorrente vinceva diecimila lire, fino a un massimo di dieci affermazioni. In caso di errore, si fermava alla cifra raggiunta.

Cartoline e telefonate

Proprio come i giochi di Radio Monte Carlo, Il Buggzzum televisivo prevedeva la partecipazione del pubblico a casa sia attraverso le cartoline postali che le telefonate.

Il montepremi

Le somme accumulate dai concorrenti andavano ad accrescere il montepremi, che in alcune edizioni raggiunse livelli considerevoli. Una signora di Milano, per esempio, si aggiudicò con una telefonata la bellezza di 58 milioni di lire.

Tele Monte Carlo 2

Fine dei giochi

Sebbene fosse un po’ macchinoso, Il Buggzzum, conquistò il pubblico di Tele Monte Carlo per due anni, dal 1979 al 1981. Il successo del programma portò in commercio anche un’edizione casalinga.

La sigla conclusiva

L’omonima sigla finale era cantata dal gruppo The Shameless.

Tele Monte Carlo 4

Gli affari sono affari

Sempre su Tele Monte Carlo, nel 1983 alle 19.30, per mezz’ora arrivò il gioco Gli affari sono affari. Ancora una volta ideato da Jacques Antoine, il programma vedeva sempre la conduzione di Roberto Arnaldi assieme a Jocelyn Hattab (1945).

  • Alexa: apri Musica 70 80!
    Pubblicità

Gioco in esterna

Antesignano, con i dovuti distinguo, di Affari tuoi, gioco dei pacchi trasmesso da Rai 1, ma anche di quello con le buste nella trasmissione I fatti vostri di Rai 2, Gli affari sono affari aveva come peculiarità l’essere girato in esterna.

  • Quei favolosi anni 70 di Enzo Mauri
    Pubblicità

Il baratto

Nel gioco, il conduttore proponeva ai clienti di un supermercato di barattare la loro spesa con il misterioso contenuto di una busta o con dei premi scelti nel negozio.

Prima e dopo cena

Gli affari sono affari, si basava sulle singolari e divertenti situazioni che si venivano a creare in fase di trattativa. Il programma andò in onda su Tele Monte Carlo  per due anni fino al 1985 e, assieme a Il Buggzzum, sdoganò i giochi nella fascia preserale e serale, poi trasmessi dai principali canali televisivi.

Podcast

Qui per ascoltare il podcast dell’articolo. (E.M per 70-80.it)

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità

 

 


ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.