1977. A Telemontecarlo c’è Paroliamo, il quiz quotidiano condotto da Lea Pericoli. Anticipa i game show della fascia preserale trasmessi dagli anni ’80 in poi

Paroliamo

Nella seconda metà degli anni ’70, quando nacque Paroliamo, l’etere italiano era in subbuglio per l’arrivo delle radio e tv private. Era l’epoca in cui il pubblico mostrava di gradire le novità offerte in campo radiofonico e televisivo, dalle realtà locali e nazionali.

Le Tv nazionali

I nuovi agguerriti competitor della Rai, in grado di sfidare il monopolio della tv di Stato, poiché esteri di lingua italiana, si chiamavano TSI (Tv della Svizzera italiana), Tv Koper Capodistria e Telemontecarlo o Tv Monte Carlo.

Paroliamo 3

Il palinsesto di TMC

In quegli anni le trasmissioni di TMC iniziavano alle 17.45 con Un peu d’amour… d’amitié… et beaucoup de musique condotta da Jocelyn Hattab (1945) con la moglie Sophie Cauvigny, seguita dal telefilm Ivanhoe con Roger Moore (1927-2017), mentre alle 19.25 scoccava l’ora di Paroliamo.

  • 70 80 action Google Home
    Pubblicità

Origini francesi

Paroliamo si ispirava a Paroliamo e Contiamo (Jeu des chiffres et des lettres) ideato dal produttore francese Armand Jammont (1922-1998). Gioco ancora molto popolare nel paese d’origine, mentre in Italia alla fine degli anni ’80 fu cancellato dalla tv, perché ritenuto troppo complicato per il pubblico nostrano.

Paroliamo 1

Lea Pericoli

Il gioco della durata di soli venti minuti, era condotto su TMC dall’ex campionessa di tennis Lea Pericoli (1935) agli esordi nella conduzione televisiva. Una nuova esperienza accolta con entusiasmo, come dichiarò all’epoca in un’intervista a un noto settimanale.

  • Alexa: apri Musica 70 80!

Due concorrenti

A Paroliamo partecipavano due concorrenti a puntata: il vincitore affrontava lo sfidante della puntata successiva, che prevedeva ogni sera la vincita di 100 mila lire. Il campione che restava in carica per dieci sere consecutive, si guadagnava invece un bonus di 500 mila lire.

  • Ascolta 70-80.it!

Le regole

Davanti a Lea Pericoli, c’era una striscia magnetica dove allineare le carte. Con lei, anche i due contenitori da cui estrarre le 42 carte a dorso rosso delle vocali e le 72 a dorso blu delle consonanti. Ogni concorrente poteva richiedere fino a un massimo di dieci lettere.

Paroliamo 2

La parola più lunga

Il lancio di una moneta stabiliva chi dovesse iniziare il gioco. Una volta uscite le venti carte (dieci per concorrente), gli sfidanti avevano 45 secondi di tempo per formare la parola più lunga. Se entrambi i concorrenti avevano composto la stessa parola, vinceva chi era stato sorteggiato per primo.

Parole italiane e semplici

Le parole dovevano essere italiane e semplici, in caso di dubbi il giudice era rappresentato dal dizionario Zingarelli. Al termine della puntata vinceva il concorrente con il punteggio più alto, gli errori di ciascun sfidante andavano a vantaggio dell’altro.

  • Quei favolosi anni 70 di Enzo Mauri
    Pubblicità

La fascia preserale

Non c’è dubbio che Paroliamo fu il vero antesignano dei giochi a cadenza giornaliera, nella fascia oraria preserale, che dagli anni ’80 fino ai giorni nostri sarebbe stata poi destinata all’intrattenimento di questo tipo. Tanto che in quel periodo, si parlò di un vero e proprio guanto di sfida lanciato al re dei quiz Mike Bongiorno (1924-2009).

  • 70-80.it app

Jocelyn

Produttore esecutivo di Paroliamo ancora lui: Jocelyn Hattab. L’autore, regista e conduttore televisivo, compariva spesso accanto a Lea Pericoli, con cui scambiava scherzi e battute, creando quel clima giocoso che ritroveremo anni dopo su Rai 1 nel programma Caccia al tesoro.

Fabrizio Frizzi

Nel 1982 Paroliamo approdò su Rai 2 a Tandem programma pomeridiano per ragazzi, condotto da Fabrizio Frizzi (1958-2018) e Marco Dané (1944) nel ruolo di giudice. Quest’ultimo passò alla conduzione del gioco nel 1989, all’interno del contenitore pomeridiano Mente Fresca, sempre sulla Rai.

  • 70-80.it app

Le scatole del gioco

Di Paroliamo furono messe in commercio dalla Adica Pongo alcune edizioni in scatola, ma nonostante i diversi tentativi, il gioco non è mai realmente entrato nelle corde del pubblico italiano.

Podcast

Qui per ascoltare il podcast dell’articolo. (E.M per 70-80.it).

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità

 

 

 


Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_allowed_services
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_cookies_declined

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi

ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.