Anni 50-60. Arriva il kit atomico per bambini, erede del piccolo chimico. È definito uno dei giocattoli più pericolosi mai esistiti

Kit Atomico 1

Nei periodi di festa o per i compleanni quando nei limiti del possibile si cerca di regalare qualcosa di utile o almeno originale ai propri figli e parenti più piccoli, cosa c’è di meglio di un bel kit atomico?

Giocattolo atomico

No, non stiamo scherzando: nei primi anni ’50, a poca distanza dalla fine della guerra e soprattutto dalle drammatiche fasi che videro protagoniste le bombe di Hiroshima e Nagasaki, il kit atomico per bimbi divenne (pericolosa) realtà.

  • La restaura persiane
    Pubblicità

Alfred Carlton Gilbert

L’idea che non sappiamo bene come definire del kit atomico, venne a Alfred Carlton Gilbert (1884-1961), inventore, atleta, mago. E, in questo caso, produttore di giocattoli.

Un solido adulto americano

Gilbert affermava che i giocattoli fossero alla base della formazione di un “solido adulto americano” e molti dei suoi furono pensati per avere un ruolo educativo.

Kit Atomico 5

Laboratori in miniatura

Era l’epoca che vedeva in circolazione decine di scatole di laboratorio per reazioni chimiche.

Il Piccolo chimico

Come il famoso Piccolo chimico, ancora in commercio anche in Italia.

Kit Atomico 2

L’Atomic Energy Lab

Approfittando della situazione favorevole, Alfred Carlton Gilbert non ebbe problemi a proporre sul mercato nel 1950 il suo kit atomico chiamato Atomic Energy Lab.

Il nucleare

Un vero e proprio laboratorio nucleare in miniatura.

Kit Atomico 3

Piccoli scienziati crescono (se sopravvivono)

Lo scopo del kit che oggi farebbe rabbrividire, era, infatti, consentire ai bambini trasformati in piccoli scienziati come Enrico Fermi (1901-1954) di creare e guardare reazioni nucleari e chimiche usando del materiale radioattivo.

  • 70-80.it podcast

In una valigetta rossa

In un’elegante valigetta rossa fra apparecchiature, sostanze varie e l’immagine di un giovane intento a sperimentare, il kit atomico offriva ben tre libretti.

Brividi

Inquietanti, con gli occhi di oggi.

Kit Atomico 7

Libri e fumetti

Il primo era un libro d’istruzioni, mentre il secondo una storia a fumetti intitolata How Dagwood Splits the Atom. Protagonista dell’avventura era il personaggio di Dagwood, poco conosciuto in Italia e nato dalla matita di Chic Young (1901-1973).

Come creare una reazione a catena…

Nella storia, Dagwood assieme alla moglie Blondie, Mandrake e Popeye (Braccio di ferro), spiegava la struttura dell’atomo e come creare una reazione atomica.

  • Quei favolosi anni 70 di Enzo Mauri
    Pubblicità

… e trattare l’uranio

Il terzo libro, invece, introduceva all’uso dell’uranio. Il kit atomico, infatti, oltre a campioni di piombo, rutenio, zinco e polonio, offriva anche dei piccoli contenitori con la polvere del metallo tossico e radioattivo.

Le apparecchiature

Il pacchetto atomico conteneva uno spintariscopio, rivelatore oculare a scintillazione che montava una lente a solfuro di zinco. Con una piccola quantità di uranio e radio, la lente si trasformava in uno schermo fluorescente a causa del decadimento degli elementi radioattivi.

Kit Atomico 4

La camera a nebbia

Tra un contatore Geiger-Müller a batteria per misurare la radioattività e l’elettroscopio che permette di vedere quanta radiazione emana la fonte che stai usando, la parte della leonessa la faceva la camera a nebbia Wilson.

Velocissime particelle alfa

L’apparecchio che andava montato e dotato di una sfera trasparente permetteva di guardare le tracce lasciate dalle velocissime particelle alfa.

Kit Atomico 6

5.000 mini bombe

L’Atomic Energy Lab ebbe breve vita: uscì infatti di scena nel 1951, dopo che ne furono prodotte meno di cinquemila unità.

Scarso successo

Non tanto per la pericolosità, che all’epoca venne a malapena avvertita, quanto per il costo: 50 dollari. Proibitivo per la maggior parte delle famiglie americane.

  • Alexa: apri Musica 70 80!

Radioattività

In realtà, la radioattività emessa dalle sostanze contenute nel kit atomico era davvero modesta. Lo stesso creatore Alfred Carlton Gilbert garantì la sicurezza della sua invenzione.

Il gioco più pericoloso di sempre

Particolare che non impedì venisse definito anni dopo: “The World’s Most Dangerous Toy”. (E.M. per 70-80.it)

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità


Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_allowed_services
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_cookies_declined

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi

ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.