1970. Alla Tv dei ragazzi c’è Il gioco delle cose. Partito in sordina dura quattro anni e resta nel cuore dei più piccini

Gioco delle cose 1

La sigla con il bruco de Il gioco delle cose, sarebbe diventata uno dei ricordi televisivi indelebili, per quelli che nei primi anni ’70 erano ancora bimbi. Il programma, infatti, era tutto dedicato a loro.

Teresa Buongiorno

Come scrisse sul Radiocorriere Tv la curatrice de Il gioco delle cose,  Teresa Buongiorno (1930-2022): “Le parole e i numeri, le qualità e i suoni vengono via via scoperti attraverso giochi, filastrocche sketch comici e fiabe ricreate talvolta dagli stessi bambini ospiti”.

La Tv dei Ragazzi

Il gioco delle cose andò in onda per la prima volta nella Tv dei Ragazzi sul Programma Nazionale (poi Rai 1) alle 17 del 16 novembre 1970.

  • La restaura persiane
    Pubblicità

Tre giorni a settimana

Il gioco delle cose veniva trasmesso per mezz’ora tre volte a settimana: il lunedì, mercoledì e sabato. Quando terminò nell’ottobre 1974, la cadenza era solo il lunedì.

Giocagiò e Il paese di Giocagiò

Partito in sordina, Il gioco delle cose ricevette la non facile eredità di due storiche trasmissioni pomeridiane per ragazzi Giocagiò e la successiva Il paese di Giocagiò,

Gioco delle cose 3

I conduttori

Quest’ultima era condotta dai medesimi nomi, messi poi alla guida de Il gioco delle cose: Marco Dané (1944) e la signorina buonasera poi autrice televisiva Simona Gusberti (1945-2015).

Salvatore Baldazzi

Il programma, era diretto da Salvatore Baldazzi, futuro regista de L’Altra domenica con Renzo Arbore (1937). Le scene e i pupazzi portavano la firma di Bonizza Giordani, mentre le musiche quella di Roberto De Simone (1933).

  • 70-80.it podcast
    Pubblicità

Marcello Argilli

I testi de Il gioco delle cose erano di Marcello Argilli (1926-2014), già collaboratore dello scrittore Gianni Rodari (1920-1980).

  • 70-80.it app

Reazioni spontanee

Ancora Teresa Buongiorno scrisse sul Radiocorriere Tv a proposito della trasmissione: “Abbiamo portato sulla scena dei bambini, non dei piccoli attori che recitassero su battute preordinate, ma bambini qualunque ripresi nel vivo delle loro risposte e reazioni”.

Gli ospiti fissi

Ospiti fissi de Il gioco delle cose, il coccodrillo mangiatutto dentro il cui costume c’era Virgilio Villani (1949) e il coniglio con un enorme orologio al polso che aveva la voce di Francesco Vairano (1944).

Gioco delle cose

Il pagliaccio

Altro protagonista fisso il  pagliaccio dispettoso interpretato da Ennio Maiani (1929), cui si aggiungeva una serie di personaggi ricorrenti come le scoiattoline Rosa e Rosina.

  • Voci alla radio
    Pubblicità

Gianni Rodari

Anche Gianni Rodari partecipò a Il gioco delle cose. Nella puntata del 23 febbraio 1972, lo scrittore per l’infanzia si fece intervistare dai bimbi in studio, per poi far scegliere a loro il finale di Quei poveri fantasmi, racconto tratto dal libro Tante storie per giocare. (E.M. per 70-80.it)

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità

 


ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.