1968. Le Sturmtruppen invadono le edicole. E’ il primo fumetto dove anziché protagonisti stabili ci sono anonimi soldati, sfortunati ma di fatto invincibili

Sturmtruppen

Tecnicamente “truppe d’assalto”.  Ma nell’accezione dell’autore anche “della tempesta” o,  più plausibilmente, “nella tempesta“, essendo collocate al fronte durante la II Guerra Mondiale.
Le Sturmtruppen sono le prime geniali strisce italiane.

I soldatini tedeschi

Sfortunati, irresistibili, invincibili ma umanissimi soldatini tedeschi. Le Sturmtruppen sono tra i primi fumetti privi di protagonisti.

  • Ascolta 70 80 Hits HQ!

L’idea di Bonvi

I soggetti del grande fumettista Bonvi (Franco Bonvicini, 1941-1995) sono infatti ingenui, ligi ed indefessi anonimi soldati tedeschi identificati da nomi comuni. Come Fritz, Franz e Otto.

  • Alexa: apri Musica 70 80!
    Pubblicità

Feroce satira

I piccoli e grassottelli soldati teutonici con l’elmetto sugli occhi, rappresentano una feroce satira di Bonvi verso il secondo conflitto mondiale. Che si esterna in situazioni surreali efficacemente caricate dal linguaggio condito con improbabili termini tedeschi italianizzati.

  • 70-80.it podcast
    Pubblicità

Sturmtruppen: no a protagonisti, sì a personaggi ricorrenti

Sebbene, come detto, non vi siano personaggi stabili, tra le Sturmtruppen vi sono figure ricorrenti, anch’esse tuttavia anonime (salvo il grado o il ruolo).

 

Sturmtruppen

L’infido Sergenten

E’ il caso del Sergenten, sadico veterano del III Reich, ossessivamente spinto dal rispetto della disciplina. Con cui vessa i soldati, spingendoli  ad allucinanti missioni, non raramente inutili o addirittura suicide.

  • La restaura persiane
    Pubblicità

Il Cuoken

Altro personaggio tipico delle Sturmtruppen è il Cuoken, cuoco del campo, sempre oggetto di (giuste) critiche dalla truppa per la scadente qualità del rancio. Cibo spesso composto da ingredienti immangiabili quali: olio per motori, pneumatici, arti di cadaveri, topi, insetti, ecc.

Sturmtruppen

Gli Eroiken portaferiten

Vi sono poi Gli eroiken portaferiten, portantini che trasportano all’infermeria tramite una barella i feriti in battaglia. Aggravandone sempre le condizioni con la loro palese incapacità.

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità

…. e l’altrettanto Eroiken portaordini

Sullo stesso piano vi è L’eroiken portaordini, impavido milite che non perde occasione per lanciarsi senza dubbio alcuno oltre ogni ostacolo, a dispetto della prudenza, pur di consegnare messaggi che ritiene (spesso a torto) importanti.

sturmtruppen

Il Capitanen

Spazio particolare nelle Sturmtruppen è riservato al Capitanen, il comandante della compagnia. Di sovente impegnato in tentativi di mediazione tra il Sergenten intransigente e la truppa. Il Capitanen è anche caratterizzato da una sessualità ambigua (si veste in abiti femminili e corteggia i soldati).

 

sturmtruppen

Il Novellinen

Tra gli ufficiali vi è anche il Tenente novellinen, un giovane ed impreparato ufficiale, nel ruolo solo per nepotismo, incapace di svolgere anche le mansioni più semplici.

Uffiziali superioren

Al vertice dell’organo di comando vi sono Gli uffizialen superioren, generali, colonnelli o ispettori, che appaiono di tanto in tanto e che, pur indiscutibilmente dotati di potere, non ricevono quasi mai il dovuto rispetto.

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità

La Piccola fedetta prussiana

Ispirato al libro Cuore di Edmondo De Amicis (1846-1908) vi è la Piccola fedetta prussiana. Un infelice quanto devoto soldato perennemente su un albero a osservare i nemici, anche se in realtà a causa dei motivi più disparati non vede mai niente. Rimasto incastrato sull’albero, dopo vari tentativi infruttuosi per farlo scendere, il Sergenten ne ordina l’abbattimento.

sturmtruppen

Il Doktoren

Tra gli ufficiali, vi è infine un soggetto che compare spesso: il Doktoren, un impreparato medico (ha studiato veterinaria) perlopiù interessato a perseguire strani obiettivi quali la pozione per l’invisibilità o la caccia ai vampiri.

 

sturmtruppen

Galeazzo Musolesi

Nelle Sturmtruppen, vi è un solo personaggio identificato con un nome preciso: si tratta del fiero alleaten Galeazzo Musolesi. Evidentemente riconducibile al connubio tra Benito Mussolini (1883-1945) e Galeazzo Ciano (1903-1944).

  • 70 80 action Google Home
    Pubblicità

La burla

Il nome deriva da una burla che nel 1964 un gruppo di studenti di liceo amici di Bonvi fecero al preside della loro scuola, inviando al settimanale Oggi una lettera a firma di un fantomatico Galeazzo Musolesi.

  • Alexa: apri Musica 70 80!
    Pubblicità

Compagni d’armi

Quest’ultimo, nello scherzo, affermava di essere stato compagno d’armi del preside durante la prima guerra mondiale e lo descriveva come un eroe, dicendo di averlo sentito leggere ad alta voce versi della Divina Commedia di Dante sotto un furioso bombardamento, per sollevare il morale delle truppe.

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità

La storia editoriale

Il debutto delle Sturmtruppen è su Paese Sera, il 23 novembre 1968, in conseguenza della vincita da parte di Bonvi del concorso indetto dal quotidiano per una striscia a fumetti italiana inedita.

  • La restaura persiane
    Pubblicità

L’Ora

Nel 1969 la serie venne pubblicata sul quotidiano L’Ora e sulla rivista di fumetti Off-Side dell’Editoriale Nova e, nel corso degli anni, verrà edita su altri giornali e periodici come Segretissimo e la Gazzetta di Parma. Per poi approdare alla corte dell’Editoriale Corno sulla cui testata Eureka trova spazio dal 1972 al 1975, dove si interrompe per circa un anno per poi riprendere nel 1976 con la striscia n° 1350.

 

sturmtruppen

La (apparente) fine

La serie si è interrotta con l’improvvisa morte dell’autore nel 1995 a seguito di in incidente stradale, dopo che aveva realizzato complessivamente 5866 tra strisce e tavole. Dopo la scomparsa di Bonvi, Leo Ortolani (1967) e Clod (Claudio Onesti, 1949) hanno realizzato una nuova serie di strisce per la rivista Il Giornalino.

sturmtruppen

  • 70-80.it app

 

 


ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.