1977. Portobello, un mercato pazzerello dove trovi questo e quello. In Rai trionfa Enzo Tortora

Portobello

Il successo di una trasmissione come Portobello è certamente legato inscindibilmente al nome del suo creatore: Enzo Tortora (1928-1988).
Per il presentatore e autore televisivo, Portobello era un ritorno alla tv pubblica, dalla quale era stato allontanato per diversi anni a seguito di un’intervista rilasciata nel 1969 al giornale Oggi.

Il jet

In quell’occasione Tortora, all’apice della popolarità (conduceva La Domenica Sportiva e il quiz alla rovescia Il gambero alla radio), aveva definito la RAI come «un jet colossale pilotato da un gruppo di boy scout che si divertono a giocare con i comandi».

  • 70-80.it app

Il primo allontanamento

In realtà era quello il suo secondo allontamento: il primo aveva avuto luogo nel 1962, quando era stato estromesso dalla RAI per non aver impedito che andasse in onda un’imitazione che Alighiero Noschese (1932-1979) aveva fatto del politico Amintore Fanfani (1908-1999).

Gli annunci pubblicitari

Fatto sta che Tortora, dopo un esilio (di successi) sulle tv private nascenti (Telebiella, Tele Alto Milanese e soprattutto Antenna 3 Lombardia), ispirato dagli annunci pubblicati sul settimanale La Domenica del Corriere, ebbe l’idea di un programma basato sulla dinamica della vendita e dell’acquisto.

  • 70 80 action Google Home
    Pubblicità

L’arrivo a Rai 2

A quel punto il presentatore assieme alla sorella Anna (1935-2003), l’autrice Gigliola Barbieri e il pubblicitario Angelo Citterio, decise di proporre Portobello all’allora direttore della Rete 2, Massimo Fichera (1929-2012). Che ne rimase entusiasta.

Portobello2

Fumo di Londra

Tanto fu il successo della trasmissione che chi ha più di 50 anni e dopo più di 40 anni dall’esordio, ricorda ancora quello studio televisivo dove campeggiava una riproduzione del famoso orologio Big Ben, emblema di Londra.

Big Ben ha detto stop!

Nella capitale britannica, infatti, si svolgeva (e si svolge tuttora) il mercatino che diede il nome alla trasmissione. Infatti, in ogni puntata, il presentatore concludeva le trattative con la frase: “Big Ben ha detto stop!”.

  • Qui Radio Libere
    pubblicità

Il fascino della sorpresa

Non c’è dubbio che l’elemento sorpresa fu uno dei requisiti che rese Portobello una trasmissione destinata a entrare nella storia della televisione. Pur seguendo una scaletta fissa, il fatto che in ogni puntata vi fossero ospiti diversi con relative trovate e prodotti, la rendeva imprevedibile.

Di tutto e di più

Negli anni da Portobello sono passate le proposte più svariate: dalla ricerca di cappelli da bersagliere, alla vendita della culla per bambini che ondeggiava da sola, all’apparecchio che secondo il suo ideatore avrebbe avuto la capacità di spegnere a distanza il motore di qualsiasi mezzo terrestre o aereo.

Abbattiamo il Passo del Turchino per eliminare la nebbia a Milano

Fino alla bizzara idea di un tranviere di Milano, il signor Piero Diacono, di eliminare la nebbia in Lombardia creando un varco sul Passo del Turchino per far entrare sulla pianura il vento del mar ligure (riportiamo il simpatico video).

Portobello3

Il centralone

Al centralone del programma coordinato da Sua Soavità (come la chiamava Tortora) Renée Longarini (1931-2010), un gruppo di ragazze alcune delle quali destinate al successo come Eleonora Brigliadori (1960), Susanna Messaggio (1963), Paola Ferrari (1960), Federica Panicucci (1967).

Le rubriche

Rubriche come Fiori d’Arancio per la ricerca dell’anima gemella e Dove sei? destinata a chi cercava persone scomparse o di cui si erano perse le tracce da lungo tempo, furono fonte d’ispirazione per numerose trasmissioni future.

Portobello1

Il Pappagallo…

Altro elemento di richiamo per i telespettatori fu il pappagallo, che portava il nome del programma, già presente nella sigla animata scritta e suonata da Lino Patruno (1935).

…e il gioco

In ogni puntata una persona scelta fra il pubblico in studio, ma in alcuni casi venuta appositamente, si cimentava nel tentativo di far pronunciare alla bestiola in trenta secondi la parola Portobello.

  • Ascolta 70 80 Hits HQ!

Paola Borboni

Nella storica puntata del primo gennaio 1982 avvenne la svolta: l’attrice Paola Borboni (1900-1995), all’epoca 82enne, riuscì nell’impresa di far pronunciare al pappagallo Portobello il proprio nome.

1983

La trasmissione continuò fra il successo generale fino al 1983. Cioè quando Enzo Tortora fu vittima del notissimo clamoroso errore giudiziario sul quale sono stati scritti fiumi di inchiostro. E che ancora oggi è emblema delle distorsioni del nostro sistema giudiziario.

Dove eravamo rimasti?

Tortora tornò al timone del programma (solo) nel 1987, completamente scagionato (celebre l’apertura ad effetto: “Dunque, dove eravamo rimasti?”).
Ma, segnato nel fisico e nell’animo da quella terribile esperienza, morì l’anno successivo, stroncato da un tumore. (E.M. per 70-80.it)

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità

  • Qui Radio Libere
    pubblicità