1947. Insieme all’UFO di Roswell arriva su Topolino Eta Beta l’uomo del 2000

eta beta

Eta Beta. O meglio, Luigi Salomone Calibano Sallustio Semiramide (negli USA Pittisborum Psercy Pystachi Pseter Psersimmon Plummer-Push). Altrimenti, Eega Beeva.

1947

Ideato per Walt Disney da Bill Walsh (1913-1975) e Floyd Gottfredson (1905-1986), Eta Beta fa la sua comparsa il 26 settembre 1947 negli USA. Cioè qualche mese dopo la notizia del famoso ipotetico crash di un UFO a Roswell, nel Nuovo Messico avvenuta il 2 luglio dello stesso anno.

  • 70 80 action Google Home
    Pubblicità

Eta Beta: l’uomo del 2000 arriva in Italia nel 1949

In Italia Eta Beta arriva sui primi 5 numeri di Topolino della Mondadori nel 1949 con la storia intitolata Topolino e l’uomo del 2000.

  • 70-80.it app

Non è un alieno. Forse

Il luogo da cui proviene Eta Beta è misterioso: Topolino lo incontra nelle profondità di una caverna dove in passato si sono verificate diverse sparizioni di persone.
Eta Beta potrebbe quindi venire dalle profondità della Terra. Anche se, in realtà, Topolino scoprirà subito che Eta Beta origina dal futuro. Precisamente dall’anno 2447 d.C., come attesta il suo enorme orologio da taschino. Cioè 500 anni prima dalla datazione della prima pubblicazione Disney (1947).

eta beta

Il look

Eta Beta è (s)vestito solo con piccolo gonnellino nero: magro, ha piedi e mani grandi con due dita (ma solo il pollice e l’alluce sono definiti), una enorme testa a forma di pera ed è totalmente privo di peli e capelli.

eta beta

Flip

Ha un animale domestico: il gangarone (un misto di cane, gatto, volpe, zebra, drago, orso e rana) Flip, che ha la curiosa capacità di fiutare i crimini e i criminali e che si nutre di manzanilli (in originale schnoodlums, visibili solo agli animali della sua specie). Anche se mangia soltanto una volta all’anno.

Le caratteristiche (ultra)singolari

Il personaggio ha caratteristiche decisamente singolari: non proietta la propria ombra, è dotato di grande forza fisica, ha limitate capacità di precognizione e telepatia (poteri che vengono meno quando è raffreddato) ed è completamente privo di scheletro. Dorme poi stando in equilibrio sui pomi dei letti o sulle stalagmiti, odia il denaro (non ne comprende il senso, ma, vedendo come per esso la gente del ‘900 sia disposta a fare di tutto, lo considera negativo) e mangia palline di naftalina e cubetti di ghiaccio.

  • Voci alla radio
    Pubblicità

P-testi

Nel parlare, Eta Beta antepone spesso (ma non sempre) alle parole che iniziano per consonanti la lettera P. Per cui, ad esempio, una normale parola come testa viene da lui pronunciata ptesta.
Nelle numerose storie si scoprirà che non si tratta di un difetto di pronuncia specifico, ma proprio del modo di parlare degli uomini del futuro, che si sono così impigriti da sentire il bisogno di complicare il linguaggio come stimolo a parlare.

  • 70 80 action Google Home
    Pubblicità

Fidanzata

Curiosità: tra le sue (diverse) fidanzate c’è la permalosa Neema, che non a caso si chiama Pluisa Pcaterina Psofronia Pcleopatra Psibilla.

Il gonnellino capiente

Le tasche del suo gonnellino hanno una capienza infinita. Tanto che da esse riesce a estrarre all’occorrenza innumerevoli oggetti, anche di grandi dimensioni come motorini, elicotteri o imbarcazioni.

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità

Uomo primitivo

Paradossalmente, anche se Eta Beta rappresenta l’uomo del futuro, appare simile ad un uomo primitivo. Circostanza che può essere spiegata con la paura della fine degli anni ’40 di una regressione dell’umanità all’era della pietra a seguito di una guerra nucleare.

L’Atombrello di Eta Beta

Al punto che il simpatico personaggio inventerà l’Atombrello: un ombrellino in grado di proteggere chi lo indossa da qualunque cosa. Persino dalla bomba atomica.

Ipotesi di origine aliena

In altre storie, tuttavia, Eta Beta è considerato uno scienziato che vive normalmente nel presente, dove svolge studi e ricerche scientifiche. In alcune, però, egli è qualificato come un extraterrestre. Al punto che sul n. 3000 di Topolino, nella storia Eta Beta, l’uomo del 3000, viene indicato provenire sia dal futuro che dallo spazio esterno.

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità

 


ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.