1966. Ron Ely è il nuovo Tarzan. Costretto a fare la controfigura di se stesso, gliene capitano di tutti i colori e maledice il suo ruolo

Tarzan

Quando l’attore Ron Ely (1938) decise di diventare Tarzan, oltretutto come seconda scelta, mai avrebbe immaginato che il destino si sarebbe accanito contro di lui. A leggere le sue disavventure ci scappa l’inevitabile sorriso.

  • Alexa: apri Musica 70 80!

La serie

Nel 1966 dopo il successo delle numerose pellicole cinematografiche, la NBC decise di produrre per il piccolo schermo una serie su Tarzan, il personaggio nato dalla penna dello scrittore Edgar Rice Burroughs (1875-1950).

  • 70-80.it podcast

L’Africa non c’entra

Fra il 1966 e il 1968 furono realizzate due stagioni per un totale di 59 episodi. Nonostante l’ambientazione tipica del continente nero, alle location africane si preferirono quelle brasiliane nella prima serie, messicane per la seconda.

  • Ascolta 70-80.it!

Il protagonista

In un primo momento la scelta per il protagonista di Tarzan ricadde sull’ex giocatore di football americano Mike Henry (1936-2021), che aveva già interpretato il ruolo nel film del 1966 Tarzan nella valle dell’oro (Tarzan and the Valley of Gold).

  • 70 80 action Google Home
    Pubblicità

Tarzan sfortunato

E qui iniziarono tutta una serie di disgrazie che costellarono l’intera serie. Durante le riprese dell’episodio pilota, Mike Henry fu aggredito da uno scimpanzé con conseguente frattura della mascella che richiese venti punti di sutura.

Tarzan 4

Arriva Ron Ely

Mike Henry abbandonò il set di Tarzan fra le polemiche, deciso a fare causa alla produzione. Quest’ultima decise di ingaggiare per il ruolo Ron Ely, già preso in considerazione ma scartato a favore dell’ex sportivo.

  • Quei favolosi anni 70 di Enzo Mauri
    Pubblicità

Nessuna controfigura

Ron Ely era restio a diventare il nuovo Tarzan ma alla fine si convinse. La decisione gli sarebbe costata cara, appena arrivato in Brasile la produzione gli comunicò che dovendo indossare in ogni episodio un semplice perizoma di pelle, era impossibile trovare qualcuno che lo potesse sostituire nelle scene più difficili.

Tarzan 1

Animali “veri”

Ron Ely scoprì a sue spese, che gli animali usati in Tarzan non erano affatto ammaestrati come pensava. In un’intervista dichiarò che: “Non avevamo neanche una tigre, la produzione se ne procurò una selvaggia catturata e portata sul set”.

  • 70-80.it app

Impavido Tarzan

Durante le riprese Ron Ely rimase ferito 17 volte, rischiando più volte di venire sbranato. Un leone lo addentò alla testa procurandogli diversi punti di sutura, inoltre ebbe il naso e 3 costole rotte, la mascella e la spalla sinistra lussata. Pur amando gli animali, giurò che non avrebbe più accettato un ruolo simile.

Tarzan 2

Jane non pervenuta

Altra caratteristica della serie su Tarzan, l’assenza della proverbiale compagna Jane. Al suo posto il piccolo Jai interpretato da Manuel Padilla Jr (1955-2008), già apparso in due film con il re della giungla per il grande schermo. Il celebre urlo era invece lo stesso, usato dai famosi predecessori come Johnny Weissmuller (1904-1984).

  • La restaura persiane
    Pubblicità

Successo mondiale

Nonostante le vicissitudini occorsogli, Tarzan nella versione televisiva ebbe un grande successo sia negli Stati Uniti che in Gran Bretagna. La serie arrivò in Italia negli anni ’80 sui canali della Fininvest e furono tratti alcuni lungometraggi per il cinema. (E.M. per 70-80.it)

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità


Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_allowed_services
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_cookies_declined

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi

ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.