1964. La Fiat 850 diventa l’auto di Paperino alle Olimpiadi di Tokio, la prima storia a fumetti promozionale d’Italia

Fiat 850

La Fiat 850, fa tornare indietro di 40 anni i ricordi di chi scrive quando, appena ventenne, fu oggetto di acquisto per sole 100 mila lire, come prima auto per fare pratica di guida. Piccola ma confortevole, era davvero robusta, resistente a ogni tipo di maltrattamento.

Una storia a fumetti

Nel 1964, la Fiat decise di pubblicizzare la nascita della 850 con una storia a fumetti pubblicata sul settimanale Topolino. Era divisa in dieci puntate, dal numero 455 al 464. Fu il primo caso di fumetto Disney realizzato per scopi pubblicitari, con l’evidente obiettivo di far leva sui figli affinché i padri acquistassero l’auto.

  • 70-80.it

Paperino, le Olimpiadi e il mago Merlino

L’avventura, dal titolo “Mago Merlino presenta: Paperino e la 850″, disegnata da Giovan Battista Carpi (1927-1999) racchiudeva i tre più importanti avvenimenti del periodo: la nascita della nuova utilitaria Fiat, le Olimpiadi di Tokio e l’uscita italiana del film Disney La Spada nella Roccia del 23 dicembre 1964, a un anno esatto dalla premiere americana.

Fiat 850a

La storia

A Parigi gli scienziati di Zio Paperone hanno sviluppato un gas propellente straordinario che Paperino e Qui, Quo e Qua accettano di sperimentare sulla 313. Purtroppo lo sfortunato papero va a sbattere contro un lampione, distruggendo l’auto. In suo soccorso arriva il Mago Merlino che fa apparire una Fiat 850 rossa, a condizione che il gas sia utilizzato per la fiaccola olimpica di Tokio 1964.

  • Qui Radio Libera

Il lieto fine

Il gruppo di paperi in giro per il mondo, viene insidiato da Maga Magò e dalla banda Bassotti; ma per fortuna a trarli d’impaccio ci pensa il Mago Merlino. E soprattutto la Fiat 850.

Un’auto di successo

Progettata da Dante Giacosa (1905-1996), la Fiat 850 fu prodotta dal 1964 al 1971 in oltre 2 milioni e 200 mila esemplari. La vettura era l’anello di congiunzione tra la 600 e la 1100. Dotata di motore posteriore, nell’ottobre 1964, poco prima della presentazione ufficiale, nel padiglione carrozzieri del Salone di Torino, vennero esposte una ventina di nuove interpretazioni fra cui la versione coupé, spider e spiaggina. (E.M. per 70-80.it)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi: