1955. Viene presentata la Fiat 600, alternativa alla 500 è la unisex emblema del boom economico italiano, venduta in tutto il mondo

Fiat 600

Il filmato della Fiat 600, realizzato nel 1955 dal regista Alessandro Blasetti  (1900-1987) per Cinefiat, aveva l’evidente proposito di sostituire la 500 all’epoca conosciuta come “Topolino”, nel cuore degli italiani con un modello del tutto nuovo.

5 milioni di esemplari

Con le sue forme inconfondibili e accattivanti, la Fiat 600 fu venduta ovunque raggiungendo il ragguardevole traguardo di 5 milioni di veicoli di cui 2,7 in Italia. L’auto risultò  molto apprezzata anche in Spagna, venduta su licenza dalla Seat.

  • 70-80.it

Un prezzo competitivo

Presentata il 9 marzo 1955 al Salone di Ginevra su progetto di Dante Giacosa (1905-1966), la Fiat 600 costava 590 mila lire, circa 9000 euro di oggi. Pur non essendo un prezzo economico per i tempi, di sicuro concorrenziale, arma vincente dell’auto si rivelarono i costi di gestione: 14 km con un litro e 10 mila lire di tassa di circolazione annua.

Il motore

La Fiat 600 aveva un motore quattro cilindri da 633 cm cubici e 21,5 CV inserito nella parte posteriore dell’automobile, con una velocità massima di 90km/h, quattro marce di cui tre sincronizzate.

Fiat 600a

Un auto moderna

Fra le caratteristiche innovative per il periodo: i vetri scorrevoli e gli indicatori di direzione sui parafanghi.

Ulteriori innovazioni

In seguito, il motore raffreddato ad acqua sostituì quello ad aria. Nel 1960 la nuova 600 D passò a un motore da 29 CV, con una velocità massima di 110 km/h. L’avviamento a chiave prese il posto di quello a levetta.

  • MCL Avvocati Associati

Auto unisex

Realizzata in diversi modelli fino al 1969, la Fiat 600 conquistò il pubblico femminile cui era effettivamente indirizzata. Nel filmato Cinefiat, quattro donne entrano nell’auto per sottolinearne le caratteristiche, fra cui la presenza di quattro posti e di un comodo bagagliaio anteriore.

La Fiat 600 Abarth

Nel 1955 fu realizzata una Fiat 600 dall’officina di Carlo Abarth (1908-1979), con un motore da 747 cc che partecipò alla Mille Miglia del 1957. In tempi recenti l’auto è stata battuta all’asta per quasi 100 mila euro. (E.M per 70-80.it)

 

 

 

Condividi: