1961. Fascino del Da-da-un-pa. Le gemelle Kessler dalle lunghe gambe lo propongono in Italia per la prima volta sfidando la censura

Kessler

Giunte lo scorso 20 agosto al loro 85mo compleanno, le gemelle più famose della tv Alice ed Ellen Kessler (1936), mostrano ancora una forma invidiabile. E sono ben 60 gli anni dal loro esordio televisivo italiano e da quando proposero per la prima volta uno dei loro cavalli di battaglia, il Da-da-un-pa.

Gli autori

Orecchiabile e ammiccante quanto basta, il testo di Da-da-un-pa, nacque dalla penna di Dino Verde (1922-2004), con le musiche del maestro Bruno Canfora (1924-2017).  Il brano delle tedesche Kessler si trasformò nell’inno alla seduzione, delle ragazze provenienti dall’Europa del nord.

Kessler 1

Don Lurio

Le gemelle Kessler, appassionate ballerine sin dalla più tenera età e provenienti dal corpo di ballo delle Bluebell Girls al Lido, celebre locale di Parigi, furono una scoperta del ballerino Don Lurio (1929-2003). Una volta notate, decise di portarle in Italia.

  • 70-80.it app

1961

Il 1961 portò davvero fortuna alle Kessler, appena giunte nel nostro paese. Si fecero notare nel programma Rai Giardino d’inverno, in onda dal gennaio di quell’anno. Nell’autunno successivo fu la volta della prima edizione di Studio Uno, dove le gemelle proposero come sigla la famosa Da-da-un-pa.

Kessler 3

Che gambe!

In seguito testimonial di una nota marca di calze, le gemelle Kessler si fecero notare per un tratto somatico d’indiscutibile fascino: 105 cm di gambe! Sebbene obbiettivamente non fossero altissime, “solo” 178 centimetri.

  • Alexa: apri Musica 70 80!

La censura

Nell’Italia dei primi anni ’60, per evitare che le gambe delle Kessler divenissero un caso nazionale e turbassero i sonni degli italiani, i dirigenti Rai decisero di farle fasciare con pesanti calze nere, proprio durante l’esecuzione di Da-da-un-pa.

Kessler 2

Amate dal pubblico

Pur bardate in quel modo, le Kessler ebbero la capacità di farsi amare da un pubblico trasversale. Con quel fisico statuario e le facce da brave ragazze, conquistarono gli uomini italiani, ma anche le donne canticchiarono le loro canzoni.

1966

Per fortuna già nell’edizione 1966 di Studio Uno, diretta ancora da Antonello Falqui (1925-2019), con i testi di Lina Wertmüller (1928), le gemelle Kessler, titolari della sigla iniziale Su e giù, poterono esibirsi senza gli inguardabili accessori.

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità

Eterne giovani

Dicevamo di come le gemelle Kessler giunte al traguardo degli 85 anni, si mantengano ancora in forma. Il segreto: 40 minuti al giorno di attività fisica, forse la ricetta dell’eterna giovinezza è tutta lì. (E.M per 70-80.it)

  • 70-80.it app

 

 

 

 

 

 

 


Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_allowed_services
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_cookies_declined

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi

ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.