1976. Da una costola di Happy Days nasce Laverne & Shirley, che negli USA la supera in notorietà e dà vita al tornello di personaggi seriali

Laverne

Come Mork & Mindy, Le ragazze di Blansky,  Out of the Blue e Jenny e Chachi, Laverne & Shirley fu uno spin-off della celeberrima Happy Days.

Spin-off dello spin-off

Il più riuscito tra le derivazioni di Happy Days, peraltro. Considerato che giunse, almeno negli USA, a superare la serie madre, conseguendo per due anni di seguito il primo posto negli ascolti. E a generare a sua volta uno spin-off: la serie animata Laverne and Shirley in the Army.

  • Ascolta 70-80.it!

La fabbrica di birra

Con ben 178 episodi andati in onda dal 1976 al 1983 (in Italia dal 1980 sulle tv locali legate al circuito Radiovideo), la serie si sviluppava sulle divertenti vicende dell’italoamericana (figlia di un pizzaiolo) Laverne DeFazio (Penny Marshall, 1943-2018) e l’eterna cuoricina Shirley Feeney (Cindy Williams, 1947).

  • 70-80.it app

Fidanzate di Richie e Fonzie

Entrambe operaie della fabbrica di birre Shotz di Milwaukee, che in Happy Days erano le fidanzate di Richie e di Fonzie.

Laverne

 

Melting pot

Le due ragazze, dalle personalità molto diverse (disincantata Laverne e sognatrice Shirley) dividono un seminterrato che è un vero e proprio melting pot di amici e fidanzati (tra ex, attuali o potenziali).

  • Alexa: apri Musica 70 80!

Tornelli di personaggi

I quali danno via a quello che diverrà un tornello di personaggi da una serie all’altra (in Laverne & Shirley compaiono personaggi di Happy Days e viceversa) che sarà preso come modello da altri telefilm negli anni successivi.

La sigla

Curiosità: la bella sigla originale (Make Our Dreams Come True di Cyndi Grecco, 1976) fu sostituita nella versione italiana da una canzone con testo inglese cantata da Romina Power (1943) ed intitolata appunto Laverne & Shirley.

  • Quei favolosi anni 70 di Enzo Mauri
    Pubblicità

La scomparsa di Laverne

L’attrice che impersonava la simpatica Laverne, Penny Marshall, è scomparsa nel 2018 (a 75 anni) per complicazioni dovute al diabete.  Figlia di Anthony Wallace Marshall (1906-1999), produttore cinematografico statunitense di origine italiana (il vero cognome era Masciarelli) e di un’insegnante di danza statunitense di origini scozzesi e inglesi, era sorella del regista Garry Marshall (1934-2016).

Regista

A sua volta regista, la Marshall diresse Whoopi Goldberg (1955) in Jumpin’ Jack Flash (1986) e Tom Hanks (1956) in Big (1988), mentre nel 1990 realizzò Risvegli con Robert De Niro (1943) e Robin Williams (1951-2014).

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità


Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_allowed_services
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_cookies_declined

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi

ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.