1954. Nasce l’Eurovisione. E tutti si chiedono di chi è la musica della sigla che accompagnerà Giochi senza Frontiere e Festival di Sanremo

Eurovisione

L’abbiamo riascoltata durante il recente Festival di Sanremo 2022 ed è probabilmente una delle musiche più famose nella storia della televisione. Stiamo parlando della sigla dell’Eurovisione, che proprio quest’anno spegne le 68 candeline.

Eurovisione 1

Euro che?

Nei primi anni ’50 il termine Eurovisione rappresentava un vero e proprio neologismo. L’idea venne al giornalista del London Evening Standard George Campey (1915-2010).

La regina Elisabetta II

George Campey era già famoso, per essere stato il primo a dare le notizia che la BBC avrebbe trasmesso in tv l’incoronazione della regina Elisabetta II (1926) il 2 giugno 1953.

  • Alexa: apri Musica 70 80!
    Pubblicità

L’invenzione

La parola Eurovisione, venne usata per la prima volta dal giornalista londinese in un suo articolo del 1951 sulla televisione europea.

Eurovisione non piace

Entrato alla BBC nel 1954 come esperto di televisione, George Campey fu dissuaso in un primo tempo dall’usare la parola Eurovisione, al cui posto si preferiva scambi televisivi europei. Quest’ultima definizione troppo lunga e farraginosa per il linguaggio giornalistico, alla fine venne accantonata.

  • Voci alla radio
    Pubblicità

La nascita

Fondata nel 1954 con sede a Ginevra, l’Eurovisione nacque come organismo internazionale di coordinamento fra paesi europei, parte integrante dell’Unione Europea di Radiodiffusione.

  • 70 80 action Google Home
    Pubblicità

Quel giugno 1954

La prima trasmissione in Eurovisione avvenne il 6 giugno 1954 e la sigla originale consisteva in un’immagine statica a sfondo blu. Al centro campeggiava il logo dell’emittente, nel nostro caso la Rai.

  • Ascolta 70 80 Hits HQ!

Le stelle

Disposte in cerchio, c’erano dodici stelle rappresentate da dei punti da cui si espandevano in maniera radiale dei fasci di linee spezzate. Negli spazi fra le stelle, disposte in senso orario, vi erano le lettere gialle della scritta Eurovisione.

  • La restaura persiane
    Pubblicità

E la musica?

Sebbene sia entrata nell’immaginario collettivo di intere generazioni, non è ancora chiaro chi fu a scegliere la musica che accompagnava le trasmissioni in Eurovisione.

Eurovisione 2

Il Te Deum

Il Te Deum H 146 in re maggiore per soli coro e orchestra, è una opera del compositore francese del periodo barocco Marc Antoine Charpentier (1634-1704).

Inno liturgico

La composizione è in forma di Te Deum (Te Deum Laudamus, lodiamo te Dio) appunto, inno liturgico cattolico di lode e ringraziamento a Dio composto tra il IV e il V secolo.

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità

Recitata ancora oggi

L’opera fu scritta a Parigi, probabilmente tra il 1688 e il 1689, quando il compositore era maestro di musica nel collegio dei gesuiti presso la chiesa di Saint Louis-le Grand . E’ ancora oggi cantata in occasione di particolari solennità.

  • 70-80.it app

Trasmissioni storiche

Per anni e tuttora, la musica dell’Eurovisione ha accompagnato trasmissione storiche come Giochi senza frontiere, lo Zecchino d’Oro, il Palio di Siena, il già citato Festival di Sanremo e l‘Eurovision Song Contest.(E.M per 70-80.it)

  • 70-80.it app

 

 

 

 

 

 


ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.