1982. Michael Jackson lancia Thriller, che sarà l’album più venduto di sempre. Ma al termine delle riprese del videoclip vuole distruggerlo

Thriller 1

A 40 anni dalla pubblicazione e con oltre 100 milioni di copie vendute in tutto il mondo, l’album Thriller di Michael Jackson (1958-2009) si è conquistato a buon diritto il titolo di disco più venduto di sempre.

Quel novembre 1982

Thriller fu pubblicato il 30 novembre 1982 negli Stati Uniti e Regno Unito. Il 2 dicembre nel resto del mondo.

Thriller 3

Thriller fa rima con killer

Michael Jackson assieme al produttore  Quincy Jones (1933) concepì il suo sesto album affinché ogni brano fosse un killer, rapido e immediato all’ascolto.

Made in Los Angeles

Il disco venne registrato a Los Angeles con un budget di 750.000 dollari

Disco da record

Già nei primi mesi dalla pubblicazione Thriller stabilì diversi record come le settimane di permanenza in cima alla classifica americana.

  • Ascolta 70-80.it!

37 settimane

Ben 37 settimane non consecutive al numero uno.

Thriller 5

I singoli

Dei 9 brani contenuti nell’album, tutti e sette singoli pubblicati entrarono nella top 10 di Billboard.

Sequenza di hit

I brani in questione sono: The Girl Is Mine, Billie Jean, Beat It, Wanna Be Startin’ Somethin’, Human Nature, PYT (Pretty Young Thing) e Thriller.

Il moonwalk

Grazie al moonwalk che Michael Jackson poté esibire sulle note di Billie Jean, l’album Thriller toccò il picco di vendite in tutto il mondo con un milione di copie a settimana.

Dissapori in sala d’incisione

Si racconta che proprio Billie Jean scatenò uno dei numerosi diverbi tra il re del pop e Quincy Jones.

Voglia di ballare

Il produttore, infatti, voleva tagliare la lunga intro, Michael Jackson, invece, s’impose per lasciarla come la conosciamo perché gli faceva venire voglia di ballare.

Starlight

Rod Temperton (1949-2016) che compose la canzone Thriller pensava d’intitolarla Starlight o Midnight Man, alla fine optò per la title track dell’album perché più commerciale.

  • 70-80.it podcast

Vincent Price

La scelta dell’attore Vincent Price (1911- 1993) che recita il monologo finale in Thriller fu proprio di Rod Temperton.

Ideato in taxi

Quest’ultimo contattò Vincent Price grazie alla moglie di Quincy Jones. Il testo del monologo venne composto dal compositore nel taxi che lo conduceva allo studio di registrazione.

La copertina

La foto della copertina apribile di Thriller fu realizzata da Dick Zimmerman (1942).

Thriller 2

Attenti al tigrotto

Michael Jackson volle che un cucciolo di tigrotto fosse collocato sulla sua gamba, ben lontano dalla faccia perché aveva paura che lo graffiasse.

L’edizione 2001

Un’altra foto con il cucciolo di tigre in braccio a Michael Jackson comparve sull’edizione 2001 di Thriller.

Un lupo mannaro americano a Londra

Per il video di Thriller,  Michael Jackson fu ispirato dal film del 1981 Un lupo mannaro americano a Londra (An American Werewolf in London).

John Landis

Per questo motivo decise di ingaggiare il regista della pellicola John Landis (1950), con cui ricreare le medesime atmosfere horror.

  • 70-80.it app
    Pubblicità

Ola Ray

Nel video di Thriller interpretato assieme all’attrice Ola Ray (1960), si vede ballare lo stesso Michael Jackson assieme a un’orda di zombie.

Jennifer Beals

Il ruolo della protagonista era stato proposto a Jennifer Beals (1963), la protagonista di Flashdance (1983). L’attrice però lo aveva rifiutato.

Thriller 4

La giacca rossa

Michael Jackson indossa nel video una giacca rossa disegnata da Deborah Nadoolman Landis (1952) moglie di John.

MTV

Il video di Thriller uscì il 2 dicembre 1983, la messa in onda su MTV contribuì ad accrescere le vendite del disco, rendendo il filmato musicale il più popolare di sempre.

900 mila dollari!

Il budget stanziato raggiunse i 900 mila dollari, come non era mai successo prima per un progetto simile.

  • Quei favolosi anni 70 di Enzo Mauri
    Pubblicità

Walter Yetnikoff …

John Landis raccontò d’aver  illustrato al telefono il progetto e relativi costi a Walter Yetnikoff (1933-2021) boss dell’etichetta Epic.

… e le sue urla

Quest’ultimo si mise a imprecare cosi forte, da costringere il regista ad allontanare la cornetta dall’orecchio.

Solo 100 mila dollari

La Epic, infatti, aveva poco interesse a realizzare il video di Thriller pensando che l’album avesse dato già il massimo. Alla fine accettò di contribuire con 100 mila dollari.

Il resto dei soldi

Gli altri finanziatori furono il canale MTV e il neonato Showtime.

Facciamo un docufilm!

Per finanziare il video, George Folsey Jr (1939) collaboratore di John Landis suggerì di realizzare un documentario sulle fasi di realizzazione.

https://www.youtube.com/watch?v=JZGRIgvgOnw

Making Michael Jackson’s Thriller

Il titolo Making Michael Jackson’s Thriller, venduto alle tv di tutto il mondo.

Distruggete il video!

Per una diatriba con i Testimoni di Geova che minacciarono di scomunicarlo a causa dei contenuti, Michael Jackson ordinò di distruggere il filmato.

Il provvidenziale John Branca

Per fortuna John Branca (1950) assistente di Jackson riuscì a dissuaderlo, consigliando d’inserire all’inizio del video un disclaimer in cui l’artista affermava che non rifletteva le sue opinioni personali.

Bollywood style

Anche la fabbrica indiana di film Bollywood, decise di realizzare una sua versione di Thriller.

Sorriso

Il video è da guardare con il sorriso sulle labbra.

Podcast

Qui per ascoltare il podcast dell’articolo. (E.M. per 70-80.it)

  • La restaura persiane
    Pubblicità

 

 

 


Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_allowed_services
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_cookies_declined

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi