1977. Esplode il fenomeno antipunk Plastic Bertrand: Ça plane pour moi disco da 20 mln di copie. Ma anni dopo rivelerà che non la cantava lui

Plastic Bertrand

La follia fu la chiave del successo di Ça plane pour moi (Sta andando tutto bene per me), unita a  quella dell’interprete, il belga Plastic Bertrand (Roger Allen Francois Jouret, 1954). Anni dopo, la canzone diede luogo a una singolare querelle (il termine francese ci sta tutto).

Parodia punk

Il brano, pubblicato nel 1977, fu concepito come caricatura dell’era punk che prendeva piede proprio in quegli anni, in particolare in Gran Bretagna. Lo stesso testo scritto da Yvan Lacomblez (1946), infatti, aveva poco senso: “Bam! Bam! Il mio gatto, Splash, Rotola sul mio letto. Sta bevendo con la lingua tutto il mio whisky”. La canzone si basava inoltre su tre semplici accordi: la, mi e re. 

Plastic Bertrand 1

Amata all’estero

Bisogna ammettere che Ça plane pour moi di Plastic Bertrand, nonostante fosse cantata in francese, ebbe un buon riscontro anche nei paesi anglofoni, come UK, Australia, Irlanda Nuova Zelanda e Stati Uniti. In Italia invece, non arrivò nelle prime dieci posizioni della Hit Parade.

  • 70-80.it app

Incisa in una sola notte

Si racconta che nell’estate del ’77, il produttore belga Lou Deprijck (1946) registrò Ça plane pour moi presso i famosi Morgan Studios di Londra nel corso di una sola notte. Il chitarrista e ingegnere Mike Butcher fece in modo di ricreare lo stile vocale di Johnny Rotten (John Lydon,1956) dei Sex Pistols. La canzone fu registrata a un ritmo lento e poi in seguito accelerata.

Plastic Bertrand 3

Plastic Bertrand

Poiché Lou Deprijck temeva che il brano non gli si addicesse, fu scelto al suo posto Roger Jouret batterista della band punk Hubble Bubble, per il suo atteggiamento sul palco e il look ossigenato da pioniere del punk. Lo stile canoro di Jouret era però terribile, per cui si arrivò al compromesso di adottare l’immagine del futuro Plastic Bertrand, unita alla voce del suo produttore.

  • 70 80 action Google Home
    Pubblicità

Un successo inaspettato

Plastic Bertrand con indosso la giacca acquistata a Londra nel negozio di Malcom McLaren (1946-2010) manager dei Sex Pistols,  fece la sua prima apparizione televisiva nello show Rendezvous Sunday il 6 novembre 1977 e fu subito Plasticmania, con i negozi di dischi presi d’assalto da adolescenti isterici.

  • 70-80.it podcast
    Pubblicità

Jet Boy, Jet Girl 

Contemporaneamente il gruppo punk rock inglese Elton Motello registrò Jet Boy, Jet Girl versione inglese di Ça plane pour moi, accolta però tiepidamente dal pubblico.

Plastic Bertrand 2

Colpo di scena

Nel 2010 il colpo di scena, Plastic Bertrand confessò al quotidiano belga Le Soir  quello che già in tanti sapevano: non era lui a cantare Ça plane pour moi. A lungo il cantante aveva sostenuto che la sua voce fosse stata aggiunta all’originale, nella versione divenuta famosa in mezzo mondo. Per dirla tutta, sembra che l’escamotage fosse stato usato nei primi quattro dischi del cantante biondo.

  • Voci alla radio
    Pubblicità

La querelle

La questione finì addirittura in tribunale, soprattutto perché la Coca Cola aveva usato nel frattempo la canzone per un suo spot in Cina. In seguito una commissione di esperti incaricata di risolvere la querelle diede ragione al produttore Deprijck. Plastic Bertrand però confermò la sua versione.

  • La restaura persiane
    Pubblicità

20 milioni di copie

Ciò non toglie che Ça plane pour moi  resta un successo da 20 milioni di dischi venduti nel mondo, oggetto di numerose cover.

Plastic Bertrand 4

Gli anni ‘80

Tra il 1982 e il 1985 Bertrand ha vissuto a Milano. In quegli anni divenne protagonista di un fotoromanzo, entrò in classifica con due tormentoni come Hula Hoop e Ping Pong e andò come ospite al Festival di Sanremo nell’edizione del 1982. (E.M per 70-80.it)

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.