1984. Susan Kare inventa Pixel Art e disegna emoji con venti anni di anticipo. Classiche icone del Macintosh originale, oggi al MoMA  

Ann Rhoney, portrait of Susan Kare, 200­4

Il museo della stampa e della comunicazione grafica di Lione ospita una mostra dedicata a Susan Kare (1954), l’artista che ha disegnato quelle che forse sono le più eleganti, coinvolgenti e longeve icone della storia dei personal computer.

  • Alexa: apri Musica 70 80!
    Pubblicità

Susan Kare

Susan è l’anima artistica del ristrettissimo gruppo che ha progettato il primo Macintosh. Cogliamo al volo l’occasione per andare a scoprire qualche cosa di più su questa artista e sul suo lavoro che ha preceduto e posto le basi per l’attuale uso comune dei cosiddetti emoji.

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità

Typesetting

Laureata cum laude in arte nel 1975, si occupa inizialmente di typesetting e della parte grafica di alcune campagne pubblicitarie.

Le prime icone

Viene successivamente contattata da uno dei maghi del software del primo Mac, Andy Hertzfeld (1953), che le chiede di disegnare alcune icone per un nuovo computer grafico che il suo gruppo sta progettando in segreto.

Susan Kare
Forbice (fonte: archivi Susan Kare)

Quaderno a quadretti

La cosa migliore è che le disegni su un quaderno a quadretti, usando una griglia di 32 x 32 caselle da riempire in nero o lasciare in bianco” spiega Hertzfeld. E cosi, senza esperienza né di computer né di design digitale, Susan inventa uno stile unico che rivoluzionerà (anzi: inventerà)  la cosiddetta pixel art.

Susan Kare

A:

Ora, occorre ricordare come prima del 1984 l’interfaccia con i PC fosse a base di comandi poco intuitivi, quali DIR, da inserire dopo un inspiegabile A: (per i più ricchi una C; alcuni eccentrici affermano di aver visto la lettera B:, ma 70-80.it non è stata in grado di verificare indipendentemente tale asserzione).

  • 70-80.it app

Semplicità

In ogni caso, Susan inventa un modo totalmente differente di comunicare, basato su immagini semplici e amichevoli che nel tempo diventeranno dei classici. Per semplificarle il lavoro – e anche perché aver i disegni su carta era decisamente poco utile – Hertzfeld progetta per Susan uno strano editor.

Susan Kare pixel editor hertzfeld
Il pixel editor in Resedit (Macintosh OS 7-5, 1991)

Pixel Editor

Si tratta di un editor grafico che lavora sui singoli pixel, permettendo di creare le icone punto per punto e contemporaneamente vedere il risultato nella dimensione reale.

Esercizio

È tutt’ora possibile esercitarsi nella creazione di icone utilizzando questo link.

susan kare
Susan Kare illustra la storia dell’icona Command (fonte: Bloomberg)

Quadrifoglio

Vediamo dunque alcune di queste “iconiche icone”. Cominciamo da una che, dal 1984 a oggi, è sempre stata presente sulle tastiere della casa di Cupertino: il simbolo Command.

Senza controparte reale

È unico in quanto non ha controparte nel mondo reale (non esiste una rappresentazione per la parola comando).

  • Voci alla radio
    Pubblicità

Castello svedese

Susan sceglie dunque un’immagine astratta, un quadrifoglio modellato sulla forma di un castello di fantasia presente in un parco giochi svedese.

Susan Kare
Caratteri creati da Susan Kare (MS Word 5.1a, 1992)

Font

Nel 1984 tutti i caratteri digitali (font) avevano una spaziatura unica (lettere strette come una “i” e lettere larghe come una “W” occupavano lo stesso spazio, con risultati grafici poco eleganti).

Questione di proporzione

Susan progetta invece i primi caratteri proporzionali, i cui principali esempi restano: Chicago, Monaco, New York e Georgia.

Susan Kare

Sad Mac

Famosa l’icona del Mac triste, spesso associata alla terribile bomba. In un’epoca in cui non esisteva la cosiddetta protezione della memoria, questo significava che uno dei programmi  in corso aveva avuto un problema…

Crash

E di conseguenza tutti i programmi in esecuzione erano finiti in crash.

Un incanto

Consci della perdita di tutti i dati, gli utenti restavano per decine di minuti bloccati, come incantati a osservare la bomba con la miccia innescata.

Susan Kare
DogCow

Clarus il cane-mucca

Ed eccoci a una delle icone più bizzarre di Susan: il cane-mucca, the Dogcow. La sua funzione era indicare se si voleva stampare un foglio in verticale od orizzontale.

Verticale o orizzontale?

Piuttosto che spiegare il concetto, meglio mostrare i due esempi, assolutamente chiari ed espliciti:

susan kare dogcow
il dogcow in azione

Un cane longevo

I più attenti avranno notato che si tratta di un box di stampa recente, non certo degli anni ’80. La ragione è semplice: nel 2014, per celebrare i 30 anni del Macintosh, Apple richiama infatti in servizio il fido cane-mucca, sostituendo provvisoriamente la noiosa icona umana che qualche oscuro “esperto” d’interfacce utente aveva nel frattempo deciso di utilizzare.

Susan Kare facebook

Facebook

Vi ricordate i gift, i regalini che si potevano inviare  agli inizi dell’era Facebook?
Attorno al 2010 Zuckerberg ne commissiona centinaia, offrendo a Susan il lusso di lavorare su una griglia di 64 x 64 pixel e a colori.

Icone popolari…

Queste icone (successivamente definite emoji) sono risultate immensamente popolari e il social media blu arrivò a venderne milioni per anno.

Susan Kare moma

… e da appendere

Le icone di Susan possono oggi essere acquistate sotto forma di quadri da appendere alla parete.

MoMA

Gli interessati possono trovarli presso il negozio del MoMA, il Museum of Modern Art di Manhattan, all’11 West. 53rd Street, New York City, USA. (M.H.B. per 70-80.it)

  • La restaura persiane
    Pubblicità

 


ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.