1972. Il Gatto Arturo: grazie alla TV Svizzera finalmente un programma per bambini divertente. Con un personaggio muto per timidezza

a-cover

Il Gatto Arturo, muto con un costume con bande a scala di grigi, fece la comparsa sui teleschermi italiani in un momento particolare. Un periodo in cui la Rai proponeva ai più piccoli trasmissioni solo educative. Mentre la TV Svizzera Italiana, che lo ospitava, diffondeva invece programmi divertenti. 

La RAI di Bernabei 

Era il 1972 e l’ente televisivo di stato italiano appariva ancora in piena era Bernabei. Il direttore generale che aveva voluto per la Rai un ruolo da operatore culturale. Ottima scelta per gli  adulti, a cui venivano proposti I Promessi SposiGli Atti degli Apostoli. E le famosissime lezioni del maestro Manzi. 

  • 70-80.it app

La TV dei Ragazzi del 1972

Andava meno bene ai più piccoli, sottoposti nella fascia loro dedicata (17.00-18.30) a torture quali: Cronache di vita quotidiana raccontate da ragazzi italiani; Venezia: la festa delle gondole; Racconti del faro: il naufragio.
Il tutto intervallato dal segnale orario e dal telegiornale. E, fortunatamente, dalla pubblicità; vero programma cult per i
baby boomers. 

gatto arturo

La Tv Svizzera al soccorso 

A soccorso (per molti, ma non per tutti) veniva la TV Svizzera Italiana (TSI). Potevano infatti fruirne nel nord Italia i fortunati che disponevano della terza antenna, puntata direttamente verso il Canton Ticino. O in direzione del ripetitore installato da un santo (sospetto antennista) per la gioia di chi era in zona d’ombra.

gatto arturo

I titoli elvetici

Ai bambini la TSI proponeva tramissioni dai titoli più civili, quali GhirigoroLa Torre dell’Orologio, Brasile-Jugoslavia o Calimero (quest’ultimo, con sense of humor svizzero, trasmesso a colori). E, appunto, il nostro Gatto Arturo. 

gatto arturo

Il Gatto Arturo

Il Gatto Arturo era (ed è) un felino bipede piuttosto alto, con un mantello a bande orizzontali,  un’espressione unica. E muto.
Le avventure del gatto avevano luogo per lo più in Canton Ticino, anche se a volte emigrava. Come durante la visita alla fabbrica della Polistil di Chiari.

  • 70 80 action Google Home
    Pubblicità

Le storie

Non si trattava di vere storie. Erano piuttosto situazioni dove il felino improvvisava, con conseguenti espressioni impacciate di quanti gli stavano attorno.
Ricordiamo ad esempio una puntata in cui Arturo saliva sul filobus a Lugano e poi cercvaa di acquistare i biglietti per il viaggio.  Oppure quella in cui si recava in una stazione sciistica. E tutto quello che accadeva era… che sciasse.
 

gatto arturo

Trama inesistente 

Riguardando oggi i filmati si resta sconcertati: in questi episodi non accade quasi nulla e non c’e’ dialogo. Tranne quando, interagendo con gli umani, questi cercano di interpretare i suoi gesti fornendo ai bambini milanesi un’occasione unica per apprendere (e far proprio) l’accento ticinese. 

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità

Immagini velocizzate 

Un certo effetto comico era anche ottenuto riproducendo i filmati a 26/27 immagini al secondo, con movimenti dunque velocizzati di circa il 10% rispetto realtà (la stessa tecnica utilizzata dall’Istituto Luce per i filmati di Mussolini). 

gatto arturo

La Mamma del Gatto 

La mamma del gatto è Adriana Parola (1945), grafica di formazione e ballerina classica, per 38 anni attiva alla TSI nel campo dei programmi per i più piccoli. In una rara intervista rilasciata nel 2015 alla Radio Svizzera Italiana, Adriana ha raccontato alcuni aneddoti interessanti riguardanti il gatto impersonato da Fredi Schafroth (1946). 

  • Ascolta 70 80 Hits HQ!

Il gatto muto 

Arturo non parlava né miagolava. Scelta creativa?
No: “Fredy 
Schafroth è una persona molto…  è timido, è chiuso e un grande creativo. Ma non se la sentiva di parlare. Per cui ci siamo detti: facciamolo [Arturo n.d.r.]  che non parli”.

  • Alexa: apri Musica 70 80!
    Pubblicità

Il parere degli psicologi

Studi effettuati successivamente da parte di alcuni psicologi hanno scoperto come questa fosse stata una scelta giusta. Essa aiutava infatti il processo creativo dei bambini costringendoli ad interpretare quello che non veniva detto. 

  • Alexa: apri Musica 70 80!
    Pubblicità

Marachelle 

Durante gli episodi il gatto combinava spesso delle marachelle. Cose minori, invero. Come far cadere un bicchiere, urtare una persona, cose del genere.
Noi avremmo voluto qualcosa di più drammatico; ma probabilmente nell’austero cantone di lingua italiana questi erano già dei fatti piuttosto gravi.
Spiegava sul punto Adriana: “…ricevevo delle letterine dei telespettatori in cui i bambini si lamentavano: Adriana non lo sgrida mai!”.
 

gatto arturo

Il colore del mantello 

Pur trasmettendo a colori fin dal 1968, la TSI produceva il Gatto Arturo in bianco e nero. Nelle letterine inviate dai bambini in redazione questo veniva però sempre disegnato a colori. E un rosso intenso prendeva il posto delle bande grigio-scure del costume. Nel posto giusto, apparentemente. 

gatto arturo

Il gatto Oggi 

Il costume originale di Arturo è orgogliosamente custodito, insieme all’inseparabile monopattino, al Museo della comunicazione di Berna.
Diversa la situazione per i musi: una delle due teste di cui disponeva è stata infatti rubata a Bellinzona e mai ritrovata. 

Arturo per il sociale

O forse no: dopo essere stata irreperibile per 38 anni, la testa è stata infine avvistata proprio a Bellinzona nel 2018, durante una manifestazione a difesa della libertà di informazione.

gatto arturo

Nota finale

Brasile-Jugoslavia era probabilmente l’incontro di calcio terminato 3-0 disputatosi nella fascia oraria dei bambini e per questo finito nel palinsesto alla voce relativa. (M.H.B per 70-80.it)

  • Qui Radio Libere
    pubblicità