1960. Il villaggio dei dannati. Biondi e dagli occhi luminescenti i bambini extraterrestri terrorizzano la Gran Bretagna e vengono censurati

Il villaggio dei dannati

Nel 1957, la statunitense MGM acquisì i diritti, prima che uscisse, del romanzo scritto da John Wyndam (1903-1969) I figli dell’invasione (The Midwich Cuckoos), divenuto nell’adattamento cinematografico Il Villaggio dei Dannati (Village of the Damned) nel 1960 .

Torna il tema dell’invasione

Soggetto caro alle produzioni americane del periodo, Il Villaggio dei Dannati racconta un’invasione aliena avvenuta nel villaggio britannico di Midwich. Dopo alcune ore di sonno, 12 donne rimangono incinte, senza un motivo plausibile.

  • 70-80.it app

Bambini extraterrestri

Una volta cresciuti, i bambini presentano tutti le stesse caratteristiche fisiche: sono biondi e hanno il potere di leggere e controllare la mente umana.

Gli occhi luminosi

Nel momento in cui i bambini attivano i poteri telepatici, i loro occhi diventano luminosi: l’effetto venne reso utilizzando il negativo delle immagini. Peraltro, per renderlo più autentico, gli attori scelti avevano gli occhi scuri.

Il Villaggio dei dannati1

I protagonisti

Ne Il Villaggio dei Dannati il fisico Goldon Zellaby (l’attore George Sanders, 1906-1972) scopre le origini aliene del figlio David (Martin Stephens, 1949), avuto dalla consorte Anthea (Barbara Shelley, 1933).

Un film sfortunato

Come diversi suoi predecessori, Il villaggio dei dannati andò incontro a diversi ostacoli, sia prima che dopo le riprese. Il soggetto relativo a donne vergini rimaste incinte, ritenuto irriverente dalle comunità religiose americane, costrinse la produzione a spostare le riprese dagli Stati Uniti alla Gran Bretagna.

  • Quei favolosi anni 70 di Enzo Mauri
    Pubblicità

Sceneggiatura poco adatta

Concepito come un film americano, la sceneggiatura de Il villaggio dei dannati risultò al regista Wolf Rilla (1920-2005) poco adatta alla nuova ambientazione. Al punto che la  riscrisse in un solo fine settimana, aiutato dal produttore Ronald Kinnock (1910-1995).

Il Villaggio dei dannati2

La censura britannica

La censura britannica diede il nulla osta alla proiezione nelle sale, ma solo dopo la rimozione dell’effetto occhi luminosi dei bambini, ritenuto eccessivo per la sensibilità del pubblico. Di fatto l’unico effetto speciale del film, motivo principale della sua fama, sparì nell’edizione inglese.

Successo al botteghino

Nonostante le avversità incontrate, Il Villaggio dei Dannati fu accolto favorevolmente dal pubblico britannico e americano, incassando in tutto un milione e mezzo di dollari. A esso si ispirarono due pellicole uscite nel 1995 e 2019. (E.M. per 70-80.it)

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità

  • La restaura persiane
    Pubblicità

 

 

 


Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_allowed_services
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_cookies_declined

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi

ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.