1958. E’ l’anno del Sarchiapone, lo sketch di Walter Chiari e Carlo Campanini, fine metafora sull’Italia dei tuttologi

Sarchiapone 1

Ma cosa sarà mai questo Sarchiapone? Sia pure per una manciata di minuti, la durata dello sketch ambientato in uno scompartimento ferroviario, nel 1958 buona parte dell’Italia rimase col fiato sospeso, nell’attesa di conoscere il protagonista di quella parola misteriosa.

Parola napoletana

Sarchiapone termine napoletano che deriva dal greco, indica una persona fatta di sola carne, goffa e senza cervello. In senso lato, viene usata per indicare figure corpulente e comunque intellettualmente limitate.

  • 70-80.it app

Le origini

Comparve per la prima volta nel Lo Cunto de li cunti overo lo tratteniemento de peccerille, conosciuto anche come Pentamerone (cinque giornate), raccolta di novelle  di Giambattista Basile (1566-1632) edite a Napoli tra il 1634 e il 1636.

  • 70-80.it podcast
    Pubblicità

Il barbiere

In seguito lo troviamo nell’opera teatrale religiosa Cantata dei Pastori, pubblicata per la prima volta da Angelo Perrucci (1651-1704) nel 1698. Nelle successive edizioni, quando ormai l’autore era scomparso, fu introdotto il personaggio comico di Sarchiapone, un barbiere in fuga per aver commesso due omicidi.

Sarchiapone 2

Lo sketch

Nello sketch Carlo Campanini (1906-1984), impersona un passeggero che ha portato in treno, ben nascosta, una creatura pericolosa chiamata Sarchiapone.

Lo scompartimento

Ne nasce un buffo conciliabolo con gli altri tre occupanti lo scompartimento, in cui Walter Chiari (1924-1991), per non fare brutta figura, si mostra profondo conoscitore dell’animale. Corredando, naturalmente, numerose gaffe.

  • Ascolta 70 80 Hits HQ!

L’invenzione

Alla fine si scopre che il Sarchiapone è solo un’invenzione del suo possessore, per far scappare gli altri passeggeri dal vagone e riposare tranquillo.

  • Quei favolosi anni 70 di Enzo Mauri
    Pubblicità

La via del successo

La scenetta, nel tempo dilatata a dismisura, fece capolino per la prima volta nella rivista del 1956, Oh quante belle figlie Madama Dorè. Nel 1958 fu la volta dello storico siparietto tra Walter Chiari e Carlo Campanini, nella trasmissione La via del successo.

L’appuntamento

Nel 1973 venne riproposto durante il varietà di Antonello Falqui (1925-2019), L’appuntamento, che Walter Chiari conduceva assieme a Ornella Vanoni (1934), che prese parte alla gag.

  • 70 80 action Google Home
    Pubblicità

Italo Terzoli

Tempo fa una ricerca del giornalista e autore televisivo Tatti Sanguineti (1946) rivelò che la sceneggiatura originale della scenetta fu opera di Italo Terzoli (1924-2008), colui che assieme a Enrico Vaime (1936) formò la celebre coppia di autori di teatro e varietà degli anni ’60 e ’70.

Sarchiapone

Il venditore ambulante

Italo Terzoli, infatti, s’ispirò a un racconto dello stesso Walter Chiari  che aveva sentito il termine da un venditore ambulante napoletano sulla spiaggia di Fregene vicino Roma. La gente si chiedeva cosa fosse questo Sarchiapone e da qui prese vita la scenetta.

  • La restaura persiane
    Pubblicità

Una storia a fumetti

Dopo la messa in onda del 1958, il Sarchiapone venne adottato nel tradizionale linguaggio quotidiano, divenendo nome di locali e pizzerie. Nel 1964, si trasformò addirittura in una storia umoristica a fumetti illustrata da Alfonso Artioli (1913-1986).

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità

Metafora italiana

Non c’e’ dubbio che lo sketch sul Sarchiapone sia ancora attualissimo. Descrive l’abitudine tutta italiana, che riscontriamo anche ai giorni nostri in tv e sui social, di esprimere opinioni con assoluta convinzione, su argomenti che in realtà non si conoscono affatto.

  • 70-80.it app

Vieni avanti cretino!

La coppia Chiari-Campanini portò al successo in tv anche un’altra celebre scenetta originariamente proposta dai fratelli De Rege, Guido (1891-1945) nel ruolo di Bebè e Giorgio (1894-1948) detto Ciccio: Vieni avanti cretino! (E.M per 70-80.it)

  • 70 80 action Google Home
    Pubblicità

 

 

 

 

 

 

 


ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.