1975. Gino Bramieri e l’affascinante Sylvie Vartan presentano Punto e basta. Con la storica barzelletta senza finale

Sylvie Vartan

Entrambi sono all’apice della loro carriera: il grande presentatore e cabarettista Gino Bramieri (1928-1996) – reduce dal successo della trasmissione di due anni prima Hai visto mai? con Lola Falana – e la cantante francese Sylvie Vartan (1944), ex ragazza ye-ye e moglie del rocker Johnny Hallyday (1943-2017). E per ciò, nel 1975, sono chiamati dalla RAI a condurre un innovativo varietà del sabato sera.

Terzoli & Vaime e Punto & Basta

Si chiama Punto e basta ed ha quali autori la celebre coppia Italo Terzoli (1924-2008) ed Enrico Vaime (1936), come regista Romolo Siena (1923-2004) ed un’orchestra diretta da Pino Calvi (1930-1989). Come da progetto, si differenza molto dagli analoghi show del sabato sera.
Partendo dalla location, decisamente singolare: come in un cabaret, col pubblico attorno a tavolini e Bramieri e la Vartan che girano tra gli stessi, insieme agli ospiti.

  • 70-80.it app

Gli ospiti

E proprio gli ospiti che intervengono al programma sono molti e di prestigio: dalle Gemelle Kessler ai The Rubettes; da una Raffaella Carrà in auge al musicista brasiliano Eumir Deodato; dal compagno della Vartan Johnny Hallyday alla copia Adriano Celentano-Claudia Mori; da Bertice Reading a Loretta Goggi.

I ruoli di Bramieri e della Vartan

Ovviamente, la bella francese canta e danza, mentre il milanesissimo Bramieri intrattiene con le sue famose (ed al tempo interminabili…) barzellette.

Gino Bramieri Sylvie Vartan

 

La trovata di Bramieri

E a proposito di barzellette, ecco la trovata del grande artista che consegnerà alla storia il programma.
Al termine di ogni puntata, Gino Bramieri enumera il suo sterminato repertorio di barzellette, fino ad introdurne una, che sarà sempre la stessa.

La barzelletta mai terminata

Quella di un uomo di colore che cammina svestito sotto la pioggia e….. Punto e basta.
La barzelletta sarà infatti sempre interrotta con la chiusura del programma. E Bramieri, ligio al vincolo che si era imposto, non ne svelerà mai il finale, nemmeno negli anni a seguire.

  • Qui Radio Libere
    pubblicità