1971. La Piaggio lancia la campagna “Melacompro”, evoluzione di “Chi Vespa mangia le mele” entrando nel linguaggio comune

Melacompro

Evoluzione della campagna trasgressiva del 1969Chi Vespa mangia le mele“, figlia del liberatorio ’68, il claim Melacompro divenne un neologismo.
Del resto “vespare” in quegli anni era divenuto un richiamo di natura erotica, sinonimo di “petting”, frutto evidentemente dell’associazione tra mela e peccato.

melacompro

Melacompro by Filippetti

La fortunata campagna “Chi Vespa mangia le mele” e quella successiva “Melacompro” furono realizzate dall’agenzia Leader di Firenze  con art director Gilberto Filippetti (1936-2009).

Il rilancio del Vasco

Il detto risorse nella prima metà degli anni ’80, grazie  alla citazione “Chi non vespa più e mangia le pere” di Vasco Rossi nella canzone “Bollicine” (1983).

  • 70-80.it

 

 

 

 

Condividi: