1972. Il tesoro del castello senza nome affascina gli adolescenti italiani. Ecco i suoi personaggi oggi

il tesoro del castello senza nome

Ambientata nelle foreste delle Ardenne belghe e in varie altre località del Belgio nel 1969, Il tesoro del castello senza nome (Les Galapiats) è una miniserie televisiva di coproduzione franco-belga-canadese-svizzera trasmessa la prima volta in Italia nel 1972.

Prima in bianco e nero, poi a colori

Nonostante fosse stata girata a colori, la serie fu trasmessa dalla RAI in bianco e nero, tanto che la replica del dicembre 1976 fu una delle prime trasmissioni sperimentali a colori della televisione italiana.

La trama de Il tesoro del castello senza nome

Tra le colline delle Ardenne, contraddistinte come noto da antichi castelli, un gruppo di adolescenti in vacanza si appresta a vivere una coinvolgente e pericolosa avventura. Quattro ragazzi belgi, uno francese, uno tedesco ed una graziosa ragazza canadese in vacanza, si lanciano, come per gioco, a caccia del tesoro perduto dai Templari. Ma ben presto si ritrovano coinvolti in misteriosi inspiegabili eventi.

  • Qui Radio Libera

Il Castello

Nella quieta delle Hautes Fagnes, infatti si alzano imponenti e sinistre rovine del “Castello senza nome”. Attorno a questa reliquia storica che risale ai tempi feudali, i ragazzi faranno continue e sorprendenti scoperte, sempre più inesplicabili, in grotte e sotterranei. Ma tutto è così inquietante e non è chiaro cosa si nasconda effettivamente nel castello. Infine i giovani scout con coraggio, astuzia ed audacia aiuteranno la polizia a risolvere il sinistro mistero.

Una storia vera

Pare che la storia narrata si ispirasse ad un fatto simile realmente accaduto in quegli anni nel paese francofono.

castello

 

Che fine hanno fatto i principali protagonisti?

Il bel Jean-Loup Grandier, che nella serie era il quindicenne di Parigi arrivato in vacanza alla colonia estiva di Campo Verde dopo che i suoi genitori gli avevano comunicato all’ultimo momento che non sarebbe andato in vacanza con loro alle Isole Baleari, era interpretato da Philippe Normand. Philippe Cantrel (nato nel 1952) – questo il suo vero nome -, che dopo la carriera come attore era diventato un cantante, è purtroppo prematuramente scomparso nel 2013 dopo una lunga malattia.

castello

 

  • MCL Avvocati Associati

Il cow-boy

Bruno Lapointe, quindicenne di Bruxelles, era Cow-Boy, così soprannominato per la sua abilità col lazo e per il tipico cappello texano che portava. Nella colonia di Campo Verde Bruno era il capo della banda dei Cinghiali, alla quale sarabbe stato ammesso Jean-Loup. Era impersonato da Marc Di Napoli (1953) che, abbandonata la carriera cinematografica fa oggi il pittore.

castello

Il goloso Lustucru

Alain Malo, di Bruxelles, detto Lustucru per la sua golosità, era ospite di Campo Verde e membro della banda dei Cinghiali. L’attore che recitava la sua parte era François Mel, il quale, abbandonata l’attività di attore, oggi vive in tranquillità nei Paesi della Loira.

castello

Byloke

Gérard Pauwels, di Gand, soprannominato Byloke per il nome di un’abbazia della sua città, era un altro ospite di Campo Verde e membro della banda dei Cinghiali. Jean-Louis Blum (1953) era l’attore che recitava il ruolo e che, dismessa tale attività, oggi è un rinomato prestigiatore col nome d’arte Gaëtan Bloom.

castello

  • 70-80.it

Patrick Vanderkemp

Patrick Vanderkemp, belga, coetaneo dei precedenti non era ospite del campo estivo, ma abitava con la sua famiglia nella campagna circostante. L’attore che impersonava Patrick era Thierry Bourdon (1953), che oggi svolge la professione di doppiatore con positivo riscontro in Francia.

castello

Franz Mayendorf

Franz Mayendorf, tedesco, nella serie trascorreva le sue vacanze ospite della famiglia di Patrick. Il suo ruolo era ricoperto dall’attore Frédéric Néry, oggi attivo nel campo nella regia e nelle produzioni televisive.

castello

Marion delle Nevi

Marion Nelligan, canadese del nord del Québec era per la sua origine chiamata nella serie Marion des Neiges (letteralmente “Marion delle Nevi”). La bella ragazza trascorreva le sue vacanze in Belgio, nel giro di amicizie di Patrick. Il suo innocente flirt con Jean-Loup sarebbe stato un tema costante nel corso della vicenda generale. Ne Il tesore del castello senza nome era interpretata da Béatrice Marcillac (1957) – figlia di un notissimo giornalista radiotelevisivo francese –  che, lasciata la carriera di attrice dal 1980, oggi è un’affermata agente immobiliare a Parigi.

castello

Nota della redazione

Le immagini dei protagonisti sono in parte prelevate dal sito Gabrielle.be dedicato alla fiction Il tesoro del castello senza nome.