1967. Kathrine Switzer con un sotterfugio è la prima donna a correre la maratona di Boston, riservata solo agli uomini. Durante il percorso cercano di farla cadere

Kathrine Switzer

Mentre ferve più che mai sui media, complici i recenti fatti di cronaca, il dibattito sui diritti delle donne, siamo andati a scoprire la vicenda di Kathrine Switzer (1947).

Episodio simbolico

Quanto accadde più di 50 anni fa, la dice lunga su come andassero le cose in fatto di eguaglianza tra sessi negli anni ’60.

  • La restaura persiane
    Pubblicità

La maratona di Boston

Nel 1967, stava per svolgersi la storica maratona di Boston che si disputa ogni anno dal 19 aprile 1897. Fra gli iscritti, l’atleta americana d’origine tedesca Kathrine Switzer (1947).

Vietato alle donne

Kathrine Switzer sapeva bene che il percorso di 42,195  km era vietato alle donne, perché ritenuto troppo impegnativo.

  • 70 80 action Google Home
    Pubblicità

Fisico inadeguato

Si pensava, infatti, che le donne fossero troppo deboli e che la fatica potesse addirittura compromettere le capacità riproduttive.

  • 70-80.it podcast
    Pubblicità

Quella disciplina no

Questo benchè già dal 1928 con 32 anni di ritardo rispetto agli uomini, le donne fossero state ammesse a partecipare ad altre discipline olimpiche, ma non alla maratona.

Il sotterfugio

Kathrine Switzer decisa a partecipare, furbescamente nella domanda d’iscrizione si firmò K.V. Switzer, nessuno si accorse del suo sesso fino alla partenza.

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità

L’importante non farsi notare

Al momento in cui Kathrine Switzer si presentò a ritirare il pettorale, gli organizzatori pensarono che fosse lì incaricata da qualcun altro ovviamente uomo e non fecero caso a lei.

Kathrine Switzer 1

Bloccatela!

Una volta partita la maratona avvenne l’impensabile, a tre chilometri dalla partenza i giudici e i concorrenti provarono a bloccare Kathrine Switzer, strattonandola, cercando di farla cadere.

Kathrine Switzer 2

Il giudice di gara non ci sta

Lo stesso direttore di gara Jock Semple (1903-1988) furioso, afferrò per la felpa l’atleta, con l’intenzione di spingerla fuori dal percorso di gara. La foto fece il giro del mondo.

Kathrine Switzer 3

Vittoria!

Però Kathrine Switzer, aiutata dal fidanzato anche lui concorrente e da altri partecipanti, resistette arrivando al traguardo. Impiegando quattro ore e venti minuti.

Quel 1972

Nonostante il clamore, solo nel 1972 il regolamento della maratona di Boston fu modificato per permettere anche alle donne di competere.

  • Voci alla radio
    Pubblicità

Roberta Gibb

Già nel 1966 un’altra donna Roberta “Bobbi” Gibb (1942), questa volta clandestinamente e senza pettorale, era riuscita a partecipare alla maratona di Boston.

Ancora in gara

Nel 1974  Kathrine Switzer vinse la maratona di New York. Indossando lo stesso numero di pettorale, il 261, ormai settantenne ha partecipato ancora alla maratona di Boston nel 2017. (E.M. per 70-80.it)

  • 70-80.it app


ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.