1966. Nasce Men, rivista prima dedicata all’erotismo, poi all’attualità scandalistica ed infine all’hard. Con Menelik come spin-off

men

Settimanale degli uomini. Questo, in un periodo in cui l’inglese non era ancora diffuso anche nei suoi termini essenziali, era il sottotitolo di Men, rivista dedicata all’erotismo (prima in Italia) lanciata  il 2 dicembre del 1966. Che, in un certo qual modo, genererà uno spin-off ibrido (fumetti, fotoromanzi, storie erotiche ed umorismo) : Menelik, famoso per i personaggi Bernarda e – soprattutto – Supersex.

  • 70-80.it app

Men Balsamo

Edito dalla Confeditorial di Saro Balsamo (1930-2005), dopo solo due anni Men cambia genere, diventando un settimanale di attualità dal taglio scandalistico, mantenendo il legame con l’erotismo attraverso la classica foto poster al centro di una ragazza senza veli.

men

Men Tattilo

Verso la fine del 1969 la Confeditorial cede Men alla giornalista, editrice e produttrice cinematografica Adelina Tattilo, ex consorte di Balsamo (1928-2007) e già scandalosa (soprattutto per la sua formazione religiosa in ambiente profondamente cattolico) editrice (dal 1967) di Playmen.

Menelik, Men

Big

Peraltro la Tattilo edita anche Big, una rivista rivolta agli adolescenti che trattava soprattutto di musica beat, con un taglio più politico rispetto a riviste simili (come Ciao amici e Giovani).

Bernarda

Come dicevamo in apertura, la Tattilo Editrice diverrà poi particolarmente nota per Menelik, una rivista settimanale di fumetti erotici che, nata nel 1970, arriverà a tirare 100.000 copie alla settimana, grazie al personaggio Bernarda.

  • Alexa: apri Musica 70 80!
    Pubblicità

Supersex

Ma, soprattutto, periodico famoso per ospitare, prima della sua indipendenza editoriale, un fotoromanzo hard di notevole successo: Supersex, quello dell’urlo Ifix-Tcen-Tcen.

Men EPP

Cinque anni dopo l’acquisizione, la Tattilo trasferisce Men alla EPP (Edizione Produzione Periodici).

men

Men: core hard

Preludio alla svolta più famosa, quella di fine anni ’70, quando gradatamente Men, sulle orme dell’antagonista Le Ore (nato nel 1971), passa al porno. Con grande successo di pubblico.

La fine

Dopo aver ospitato sulle sue pagine attrici anche famose negli anni ’80, la rivista chiude i battenti nella seconda metà degli anni 90 (nel 1997), come gran parte di quelle del genere. Il motivo? L’avvento dell’hard in home video prima e di Internet poi.

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità

Men 2000

Un timido tentativo di riapertura col il brand Men 2000 non ha però successo e il periodico cessa definitivamente le pubblicazioni col nuovo millennio.

men

  • 70 80 action Google Home
    Pubblicità