Anni ‘80. Dagli USA arrivarono in Italia gli yuppies i “fratelli maggiori” dei paninari

Yuppies

A metà degli anni ‘80 iniziò a diffondersi anche in Italia un nuovo fenomeno di costume d’importazione americana. Sempre più persone si ritrovarono a condividere uno stile di vita simile, caratterizzato da carrierismo spinto, consumi vistosi, belle case, auto di lusso, vacanze costose, abiti firmati, vita notturna e glamour. Anche nel nostro Paese erano sbarcati gli Yuppies.

  • La restaura persiane
    Pubblicità

Young Urban Professional

Il termine yuppie, trasformazione colloquiale dell’acronimo YUP – Young Urban Professional – comparse per la prima volta in un articolo del maggio 1980 scritto da Dan Rottenberg (1942), giornalista del Chicago Magazine intitolato “About That Urban Renaissance...”.

La rinascita

In cui si parlava della rinascita del centro urbano di Chicago, dove molti giovani professionisti avevano deciso di trasferirsi lasciando i sobborghi per rioccupare le vecchie case o le fabbriche in disuso trasformandole in abitazioni e loft alla moda.

Yuppies

 

New York: la culla dello yuppismo USA

Tuttavia fu a New York che gli yuppies americani trovarono terreno fertile per il loro nuovo life style. I rampolli di buona famiglia della borghesia americana appena usciti dalle prestigiose università come Harvard o Princeton non vedevano l’ora di arricchirsi in fretta e, proprio nella grande Mela, potevano trovare le condizioni ideali per realizzare i loro sogni tra broker finanziari, banche d’affari, prestigiosi studi legali e grandi multinazionali.

Yuppies

1984, l’anno degli yuppies

Tanto che nel numero di dicembre perfino la rivista Newsweek dedicò un intero articolo a questa nuova categoria di giovani rampanti, eternamente in competizione, che non disdegnavano di ostentare la loro ricchezza e il loro successo frequentando i migliori ristoranti, le palestre più esclusive, le discoteche alla moda. Vestendo gli abiti costosi degli stilisti più in voga del momento.

 

Il Manuale del perfetto yuppie

Nello stesso anno uscì addirittura una sorta di manuale che descriveva, con qualche traccia di malcelata ironia, le principali regole da seguire per incarnare il “perfetto” Giovane Professionista Urbano.

  • 70-80.it podcast

…e in Italia?

Come tutte le mode d‘oltreoceano anche lo yuppismo arrivò in Italia. Cercando di emulare i colleghi statunitensi, gli yuppies italiani erano giovani adulti che si occupavano di borsa, pubblicità, moda, design, pubbliche relazioni e che, abbandonata qualsiasi ideologia politica, facevano della ricchezza e, della sua ostentazione, il principale scopo di vita.

La Milano

Avanguardia di questa nuova tendenza fu sicuramente Milano che, come una piccola New York, rappresentava il milieu ideale per lo sviluppo del nuovo trend arrivato dall’America.

Yuppies

da bere

Tanto che in un famosissimo slogan pubblicitario fu definita come la Milano da bere, una città dove successo, fama e ricchezza potevano essere raggiunti da chiunque e tutto sembrava possibile.

Gli yuppies, fratelli maggiori dei paninari

Considerati i fratelli maggiori dei Paninari, con cui condividevano l’estrazione sociale borghese, si preoccupavano di guadagnare tanto, ma soprattutto di spendere di più, tra club di squash, ristoranti etnici, discoteche di tendenza, vacanze tropicali o sulla neve delle Dolomiti.

  • Quei favolosi anni 70 di Enzo Mauri
    Pubblicità

Gli yuppies al cinema

Malgrado il fenomeno dello yuppismo fu prevalentemente circoscritto alle grandi città del nord Italia, anche il cinema se ne occupò. Rispettivamente nel 1986 Carlo Vanzina (1951-2018) e nel 1987 Enrico Oldoini (1946) portarono sul grande schermo due film intitolati Yuppies e Yuppies 2, in cui venivano raccontate le (dis)avventure di quattro amici Lorenzo, Willy, Giacomo e Sandro interpretati da Massimo Boldi (1945), Ezio Greggio (1954), Jerry Calà (1951) e Cristian De Sica (1951) impegnati nella ricerca del successo economico e sociale sullo sfondo della Milano anni ‘80.

Yuppies

Stroncati dalla critica ma non dal botteghino

I film non particolarmente apprezzati dalla critica, ottennero invece un discreto riscontro dal pubblico. Il loro principale merito fu quello di mostrare, in tono leggero, la vita di questa nuova categoria di giovani “rampanti”, ironizzando in modo particolare sull’ossessione di certi loro comportamenti, come portare l’orologio sul polsino, che “faceva tanto avvocato Agnelli”, indiscutibile e inarrivabile figura mitica di riferimento.

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità

Gli yuppies al cabaret: Vastano Bocconi

Anche il cabaret non rimase insensibile al fenomeno. Indimenticabile fu lo studente bocconiano sempre vestito in giacca e cravatta, interpretato dal comico Sergio Vastano (1952), che malgrado fosse da cinque anni fuori corso si ostinava a rifiutare 18 come voto agli esami.

Gli Yuppies in musica: Luca Barbarossa – Yuppies

Perfino la musica si interessò di loro. Fu un cantautore romano, Luca Barbarossa (1961) che, nel 1988 all’interno del suo terzo album dal titolo Non tutti gli uomini, inserì una canzona intitolata proprio Yuppies.

Ironia

Il brano ottenne un grande successo radiofonico raccontando, ancora una volta in tono ironico, i luoghi comuni e gli stereotipi dei nuovi arrampicatori sociali italiani emuli dei colleghi statunitensi.

Yuppies

La fine degli yuppies

Come tutti i fenomeni di tendenza anche quello degli yuppies vide la fine. In America fu il crack finanziario della Borsa del 1987 a decretare il tramonto di tanti professionisti del mondo della finanza che improvvisamente si ritrovarono a “spasso”

Tangentopoli

In Italia, invece, fu lo scoppio, all’inizio degli anni ‘90, dello scandalo economico-giudiziario di Tangentopoli, che investì come uno tzunami buona parte del sistema politico e imprenditoriale italiano, a decretare la fine del decennio ruggente degli anni ‘80, calando definitivamente il sipario sulla famigerata Milano da bere e sui suoi protagonisti. (M.A.G. per 70-80.it)

  • 70-80.it app


Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_allowed_services
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_cookies_declined

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi

ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.