Anni 50-70. Il libretto delle assenze, quando s’inventavano le scuse più assurde per saltare la scuola e andare a zonzo per la città

Libretto delle assenze

Bei tempi quando il libretto per le giustificazioni delle assenze correva in soccorso degli studenti poco volenterosi! A dire la verità, era prerogativa di tutti – anche di quelli più bravi – saltare la scuola almeno una volta col classico metodo. Imitare la firma dei genitori in attesa della maggiore età.

Libretto delle assenze 1

Soddisfazione unica

Quale soddisfazione sventolare il libretto delle assenze sotto il naso dell’insegnante di turno! Provare un leggero brivido lungo la schiena, nell’attesa che prendesse atto della falsa giustificazione. E, finalmente, tirare un sospiro di sollievo nel momento in cui veniva convalidata.

  • 70 80 action Google Home
    Pubblicità

Prestazione…

Falsificare la firma dei genitori era un’arte. C’era sempre il compagno di classe più bravo che si offriva di imitare anche quella dei genitori altrui.

… e controprestazione

In cambio, ça va sans dire, di favori vari: dall’acquisto di un panino, alle figurine, dall’aiuto nei compiti in classe al supporto per quelli fatti a casa.

  • 70-80.it app

La carta carbone

Una volta che il genitore aveva lasciato la sua firma sul libretto delle assenze, si provava a imitarla a mano libera. Ma la differenza si notava troppo. La carta carbone si rivelava allora il sistema migliore.

Tracce

Tuttavia bisognava essere bravi anche a non lasciare tracce sulla copia fasulla.

  • 70 80 action Google Home
    Pubblicità

Solo due motivi

Il libretto delle assenze aveva in genere una copertina che variava dal grigio al rosa. Gli studenti si potevano assentare per due validi motivi: famigliari o di salute. A quel punto stava allo scolaro colorire la giustificazione.

Inventiva

Con trovate non sempre condivise dall’insegnante e ritenute quindi ingiustificate.

Il limite delle 30 assenze

I libretti delle assenze erano dotati di 30 foglietti, che in alcuni istituti scolastici erano  forniti dalle segreterie. Bisognava quindi andarci piano con le richieste. E comunque era sempre meglio tenerne due: uno ufficiale, l’altro usato per le fughe.

  • Quei favolosi anni 70 di Enzo Mauri
    Pubblicità

I motivi reali

Si decideva di non andare a scuola per i motivi più disparati: girare per la città, magari con il fidanzatino/a. Oppure, quando esistevano le proiezioni mattutine, si approfittava delle ore libere per andare al cinema.

Scarsa preparazione

La scusa era sempre quella: preparazione insufficiente ad affrontare un’interrogazione certa o un compito in classe.

Libretto delle assenze 3

Le giustificazioni fasulle

Negli anni sui libretti delle assenze sono state annotate le giustificazioni più assurde, regolarmente respinte dagli insegnanti. Due su tutte: “Sono stato rapito dagli Ufo”, con relativo commento del maestro (nella foto) e “Pensavo fosse domenica”.

  • La restaura persiane
    Pubblicità

Fine di un’epoca

Con le nuove tecnologie, i libretti delle assenze di una volta sono definitivamente finiti in cantina, sostituiti dai registri elettronici consultabili dai genitori, le chat delle mamme sugli smartphone e i messaggi sui cellulari degli istituti scolastici.

Il gusto della bigiata

Ma quanto era bello poter assaporare ogni tanto, il gusto della bigiata! (E.M per 70-80.it)

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità


Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_allowed_services
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_cookies_declined

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi

ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.