1987. Silvia lo sai, introspettivo successo di Luca Carboni. Manifesto in controtendenza degli edonistici anni ’80

carboni

Estratta, insieme all’altrettanto nota Farfallina, dall’album Luca Carboni del 1987, Silvia lo sai traccia la storia di una vicenda d’amore adolescenziale.

Luca si buca ancora

Ma annichilita dall’ingresso del ragazzo di Silvia, Luca (nome evidentemente non casuale, anche se la canzone non è mai stata dichiarata come autobiografica), nel tunnel della droga.

  • 70-80.it app

Richiesta d’aiuto a Silvia

Tuttavia, la richiesta d’aiuto verso una Silvia sfuggente (“Aspetta, aspetta debbo parlarti“) nei confronti del suo ex ormai inchiodato in una fase critica del suo percorso autodistruttivo (“Luca è a casa che sta male”) è solo un pretesto di Carboni per tracciare lo standard di vita dei post adolescenti degli anni ’70/80.

carboni

Il percorso distruttivo

“Ehi Luca ne è passato del tempo. Sì, va beh, ma adesso lasciami andare. E non credevo di essere stato violento. Ma ha cominciato a tremare. Mi ha guardato con lo sguardo un po’ spento. Non riusciva a parlare”, è la summa dell’angosciante degrado in cui l’amico è precipitato.

  • Alexa: apri Musica 70 80!
    PubblicitĂ 

L’amata Bologna

Una vita in una metropoli comune (l’amata Bologna, che profuma “di sera, le sere di maggio“) di un Italia comune, quella obbligata ancora ad andare a “dottrina” senza trovare però risposta ai numerosi perchĂ© religiosi (“Un Dio cattivo e noioso, preso andando a dottrina. Come un arbitro severo fischiava tutti i perchĂ©”).

  • 70 80 action Google Home
    PubblicitĂ 

Il flagello

Una societĂ  giovanile permeata dal flagello della droga (negli anni ’80 piaga ben peggiore di quanto pure lo sia ancora oggi). In un ambiente di periferia celebrato da Carboni con un velo di tristezza: “La maglia del Bologna, sette giorni su sette, pochi passaggi, molti dribbling, quanti vetri spaccati”.

  • MCL Avvocati Associati
    PubblicitĂ 

La Farfallina di Carboni

A metĂ  strada tra la nostalgia della “giovinezza che fugge” ed il noto pessimismo carboniano (che traspare chiaramente anche in Farfallina, così come in altri pezzi storici, come per esempio Mare Mare), Silvia lo sai si conclude a cavallo tra la disillusione e l’angoscia.

Non dovevamo andare lontano?

Con la famosa strofa: “E adesso come facciamo? non dovevamo andare lontano?”. Comunque senza speranza in un futuro all’altezza delle aspettative.

  • Voci alla radio
    PubblicitĂ 


ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.