1980: anticipata da due episodi pilota arriva in Italia Fantasilandia, l’isola dei sogni che si realizzano, ma che si rivelano spesso peggiori della realtà

fantasilandia

Nonostante il successo, la serie tv Fantasilandia non andò oltre la settima stagione a causa dei problemi sul set creati da uno dei due protagonisti, Hervé Villechaize, che importunava le attrici con continue proposte sessuali. Il suo licenziamento non fu però apprezzato dal pubblico, che punì l’allontanamento con un drastico calo di ascolti che portò alla chiusura anticipata del telefilm.

  • La restaura persiane
    Pubblicità

Terra dei sogni

L’idea di Fantasilandia era semplice quanto geniale: un luogo vacanziero particolare (un’isola), gestito dall’affascinante signor Roarke (il messicano Ricardo Montalbán, 1920-2009) insieme al fido Tatoo (appunto il citato Hervé Villechaize, 1943-1993), dove gli ospiti potevano realizzare i loro sogni grazie a situazioni create ad hoc dai gestori attraverso un nutrito numero di attori.

  • 70-80.it app

La morale

Fantasilandia aveva una morale, in quanto raramente le vacanze evolvevano come voluto dai protagonisti. Che infatti finivano col preferire la realtà.

Episodi pilota per testare il gradimento

Trasmessa dal canale ABC dal 20 gennaio 1978 al 19 maggio 1984, negli USA come in Italia (tre anni dopo, su Canale 5), fu anticipata (il 14 gennaio 1977) da un episodio pilota, diviso in due parti e intitolato semplicemente Fantasy Island. Un secondo episodio pilota, dal titolo Return to Fantasy Island, fu trasmesso, sempre diviso in due parti, il 20 gennaio 1978, subito seguito dalla serie.

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità

La variante Hervé Villechaize

Curioso l’epilogo della serie.
L’attore Hervé Villechaize, che impersonava Tatoo, creò numerosi problemi sul set di Fantasilandia, con continue proposte sessuali alle donne e litigando con i produttori.

 

FantasilandiaEpilogo

Fu pertanto inevitabilmente licenziato alla fine della sesta stagione. Gli ascolti risentirono però pesantemente della sua sostituzione, tanto che Fantasilandia non andò oltre la stagione 7.

  • 70 80 action Google Home
    Pubblicità

Il tragico (reale) finale

In conseguenza della sua instabile salute (soffriva di una forma di nanismo) e dei suoi problemi professionali, negli ultimi anni della sua vita Villechaize divenne un alcolista e depresso, con comportamenti anche violenti. Nel 1993 si tolse la vita con un colpo di pistola mentre era a casa sua e fu trovato agonizzante da sua moglie, Kathy Self. Morì in ospedale a North Hollywood, California, all’età di 50 anni.

 

 


Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_allowed_services
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_cookies_declined

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi

ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.