1973. I Kung Fu film arrivano in Italia, celebrano il successo di Bruce Lee, diffondono la moda delle arti marziali

kung fu

Nei primi anni ’70 si diffuse nei cinema italiani il filone Kung Fu. Una valanga di pellicole provenienti da Hong Kong, dalla trama esile e scontata, basate soprattutto sull’uso delle arti marziali, riscosse il favore del pubblico di casa nostra.

Cinque dita di violenza

Capostipite del genere Kung Fu, il film Cinque dita di violenza (The Invincible Boxer) del regista Chang-hwa Jeong (1928). La pellicola uscita nel 1972, arrivò in Italia l’anno successivo proiettando al cinema le vicende di un anziano maestro di arti marziali e del suo discepolo.

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità

Bruce Lee

Autentica star del genere Kung Fu, Bruce Lee (1940-1973) si affermò con i film Il Furore della Cina colpisce ancora (1971), Dalla Cina con furore (1972), L’urlo di Chen terrorizza anche l’Occidente (1972), I tre dell’Operazione Drago (1973).

kung fu

Morte prematura

Lee morì il 20 luglio del 1973, mentre si trovava ad Hong Kong, sembra dopo aver patito una forte emicrania. Le cause non furono mai chiarite.

  • La restaura persiane
    Pubblicità

Film postumi

Dopo la scomparsa di Bruce Lee, furono prodotte diverse pellicole di genere Kung Fu con spezzoni di scene tagliate dei precedenti film o con sosia del celebre attore. Il più famoso fu L’ultimo combattimento di Chen del 1978, che Lee lasciò incompiuto nel 1972 dopo aver girato alcune sequenze. Il film avrebbe dovuto intitolarsi The Game of Death, scritto, diretto e interpretato dallo stesso Bruce Lee.

  • 70-80.it app

Album di figurine

Il filone Kung Fu ebbe in Italia un tale successo, che furono pubblicati alcuni album di figurine basati sulle tecniche delle arti marziali.

  • Alexa: apri Musica 70 80!

Quentin Tarantino

Il regista e attore Quentin Tarantino (1963) amante del genere Kung Fu, ha tratto ispirazione per le pellicole Kill Bill 1 e 2, dai film Cinque dita di violenza e L’ultimo combattimento di Chen, dove Bruce Lee indossa una tuta gialla poi vestita da Uma Thurman (1970) nel ruolo di Beatrix Kiddo. (E.M. per 70-80.it)

  • Quei favolosi anni 70 di Enzo Mauri
    Pubblicità

 

 


Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_allowed_services
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_cookies_declined

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi

ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.