1972. Con la SX-70 esplode il mito della Polaroid, la fotocamera che in pochi secondi offre la foto già pronta, fra i regali di Natale più ambiti

Polaroid

Negli anni ’70 fra orologi, giradischi e oggetti per la casa, in molti desideravano ricevere in regalo sotto l’albero di Natale una fotocamera Polaroid SX-70, all’epoca ultimo ritrovato della tecnologia.

Un vero portento

Grazie a questo portento fotografico, in un istante si potevano immortalare le fasi salienti della propria esistenza: le storie d’amore, le amicizie, le vicende familiari.

  • 70-80.it app

Il rito Polaroid

Quello che ormai aveva assunto le caratteristiche di un vero e proprio rito, prevedeva che dopo aver scattato la foto con la Polaroid, si sventolasse, per farla asciugare, la sottile superficie della carta fotografica appena uscita. Nell’attesa trepidante di vedere il risultato del nostro operato.

Polaroid4

I limiti

Di sicuro ritrovarsi in pochi secondi tra le mani le foto già fatte, senza dover andare col rullino dal fotografo di turno che te le sviluppava dopo qualche giorno era un qualcosa di inusuale. Il limite era il formato standard (10×12). E il fatto, non di poco conto, che dopo qualche tempo le foto iniziavano inesorabilmente a sbiadirsi.

  • Quei favolosi anni 70 di Enzo Mauri
    Pubblicità

Edwin Herbert Land

L’inventore della Polaroid fu negli anni ’30 Edwin Herbert Land (1909-1991). Si racconta che un giorno la figlia volesse vedere il risultato di una foto che Land gli aveva appena fatto. L’impossibilità di esaudire il desiderio della piccola, gli suggerì l’idea di un dispositivo che permettesse di scattare foto nell’immediato.

  • 70 80 action Google Home
    Pubblicità

Il filtro polarizzante

Land iniziò con il commercializzare il primo filtro polarizzante sintetico. Il funzionamento era quello di una griglia che blocca le radiazioni elettromagnetiche indesiderate, come quelle della luce non polarizzata,  impedendo alle onde luminose riflesse di raggiungere l’obiettivo.

Polaroid1

La Polaroid Land 95

Nel 1947 Edwin Herbert Land sorprese il mondo presentando alla Optical Society of America la Polaroid Land 95. La prima macchina fotografica istantanea capace di sviluppare e positivizzare un’immagine in soli 60 secondi.

La Polacolor

Fino al 1963 la Polaroid, non consentiva foto a colori. Tuttavia fortunatamente da quell’anno fu messa in commercio la Polacolor, la prima pellicola a colori, segnando un nuovo importante passo nella storia della fotografia.

Polaroid3

La SX-70

Della Polaroid si contavano molti modelli in commercio. Ma la più apprezzata, al punto da diventare oggetto di culto da fotografi e designer, fra cui Andy Warhol (1928-1987, nella foto), risulta essere la SX-70. Prodotta dal 1972 era una fotocamera istantanea del tutto pieghevole, facile da portare nella  tasca di una giacca e rivoluzionaria, con alcune componenti tecnologiche mai viste prime. Si trattava della prima macchina elettronica, dove l’esposizione (tempo di scatto) era regolata da un automatismo – appunto – elettronico e non meccanico come in tutte le macchine dell’epoca (incluse le costosissime reflex Nikon/Canon).

  • 70-80.it app

Incredulità

In alcuni modelli era addirittura prevista la messa a fuoco automatica, effettuata utilizzando ultrasuoni (la tecnologia dei  primi telecomandi per televisori, che avrebbero iniziato a diffondersi negli anni successivi). L’apparecchio era Reflex, con uno schema interno che ai tempi lasciò tutti increduli, tanto da meritare la copertina di Life dell’ottobre 1972.

Polaroid

Helmut Newton

Importanti nomi nel campo della fotografia si servirono delle fotocamere Polaroid per le loro creazioni. Fra questi Helmut Newton (1920-2004), che usava abitualmente la fotocamera istantanea per fare scatti di prova, prima di quello definitivo.

Addio Polaroid?

Il successo delle fotocamere digitali determinò nel 2007 la fine della Polaroid.
Per fortuna nel 2008 un gruppo di privati ha dato vita con successo all’Impossible Project, con l’intento di salvaguardare l’ultima fabbrica di Polaroid rimasta.

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità

Florian Kaps

Se oggi abbiamo ancora pellicole a sviluppo immediato dobbiamo infatti ringraziare un viennese: il dr. Florian Kaps.
Nel 2008 il fondo di investimento che aveva rilevato il marchio Polaroid decise di chiudere l’ultima fabbrica di pellicole rimasta al mondo, a Enschede in Olanda.
Da vero appassionato del mondo analogico, Florian non poteva veder venir meno la la possibilità di scattare Polaroid. Decise quindi  di acquistare la fabbrica, pensando che questo avrebbe permesso di continuare la produzione.

  • Ascolta 70 80 Hits HQ!

Pellicole

C’era però un problema: le pellicole SX-70 (definite a suo tempo dalla rivista Fotografare un sandwich di “sette strati di genio“) richiedevano dei chemicals specifici, inventati anch’essi da Edwin Land.
Insomma, si potevano avere le macchine per la produzione e si poteva  anche riassumere i dipendenti rimasti (con il loro know-how). Ma mancava la materia prima.

Polaroid

Impossible Project

Da qui il nome Impossible Project. Era impossibile, si diceva, ricreare una pellicola come l’originale, senza usare i processi brevettati da Land. A riguardo, occorre tenere presente, ad esempio, che nella SX-70 il positivo e il negativo coesistono nel sandwich ed anche che la pellicola si sviluppa alla luce del sole e non in camera oscura, entrambe cose impossibili.
Ma, Florian conosceva a memoria un famoso principio di Land (file all-2) e non si perse d’animo.

Polaroid

Le pellicole impossibili

A partire dal 2010 si videro infatti i primi risultati:  svariate generazioni di pellicole impossible, via via sempre piu’ vicine alla qualità, brillantezza e stabilità’ dell’originale, inventato quaranta anni prima.
Dopo aver venduto quasi tutte le quote di Impossible, il dr Kaps ha poi fondato Supersense.com, che ha re-inventato le pellicole peel apart (quelle degli anni 60), oltre a mantenere vive  altre incredibili tecnologie audio/video classiche.
Oggi opera tra l’altro l’unico studio di registrazione al mondo dove si registra live direttamente su vinile (senza passare né da nastri, né da nulla di digitale).

Nuovi modelli

Il connubio Polaroid-Impossible Project, ha dato nuova linfa vitale al mondo della fotografia istantanea. Oggi sono infatti in commercio diversi modelli non solo della Polaroid, ma anche di altri marchi, come la Fujifilm.

Podcast

Qui per ascoltare il podcast dell’articolo. (E.M. e M.H.B. per 70-80.it)

  • Ascolta 70 80 Hits HQ!

 


ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.