1965. I progettisti dei grattacieli USA per scaramanzia li configurano senza il piano 13. E i 13th Floor Elevators ne approfittano

13th

C’è da sempre negli Stati Uniti (e non solo) una scaramanzia che vuole che il 13° piano di un grattacielo (13th floor) non debba esistere, sostituito da soluzioni come 12B o altri approcci creativi, piuttosto che letteralmente bypassato col passaggio dal piano 12° al 14°.

No 13th

La superstizione accentuata dal periodo storico (inizi del XX° secolo), spinse i primi progettisti di grattacieli ad omettere la numerazione del 13th floor per evitare che gli appartamenti rimanessero invenduti per la paura che si potessero sprigionare incendi o altri disatri.

  • La restaura persiane
    Pubblicità

85% degli edifici USA senza 13th

La tendenza si ridacò al punto da creare una consuetudine progettuale, tanto che circa l’85% delle pulsantiere all’interno della cabina di un ascensore negli USA non vede la presenza del numero 13.

  • 70 80 action Google Home
    Pubblicità

13th Floor Elevators

Su questa curiosa tendenza, nel 1965, Tommy Hall (1943) e sua moglie Clementine Tausch (1939) ebbero l’idea di chiamare 13th Floor Elevators una band di rock psichedelico frutto della fusione di tre gruppi allora poco noti. Cioè i Conqueroo (fondato dallo stesso Tommy), gli Spades  – dove c’era il cantante e chitarrista Roky Erickson (1947-2019) – e i Lingsmen, dove suonavano il bassista/violinista Benny Thurman (1943), il batterista John Ike Walton (1943) e il chitarrista solista Stacy Sutherland (1945-1978).

13th

La piramide ed il terzo occhio

In realtà, il curioso nome del gruppo sarebbe stato motivato anche dal fatto che 13th è l’ultimo piano della piramide di illuminazione, dove sorge l‘occhio che tutto vede o terzo occhio, simbolo dell’aldilà, dell’ignoto, dell’occhio del vortice o di Dio. Un concetto che, nel 1982, avrebbe ispirato anche il gruppo Alan Parsons Project per Eye in the sky

  • Ascolta 70-80.it!

LSD

D’altra parte, il cd. 3° occhio si riferisce alla ghiandola pineale del cervello umano, attivata da pratiche yogiche e da sostanze psichedeliche (come l’LSD, la mescalina e i funghi magici). In un’ottica mistica, 13th Floor Elevator sarebbero quindi ascensori per la coscienza del pubblico.

  • 70-80.it app

Rock psichedelico

Il successo arriva subito, sotto la guida del loro produttore Lelan Rogers (1928-2002), con la registrazione dell’album che entrerà nella storia del rock psichedelico: The Psychedelic Sounds of the 13th Floor Elevators.

You’re Gonna Miss Me

E il primo (e più grande) successo dei 13th Floor Elevators è il singolo estratto dall’album, You’re Gonna Miss Me, scritto da Roky Erickson per gli Spades. Pezzo che entra nella classifica statunitense, diventando col tempo uno dei simboli del genere garage rock.

  • Alexa: apri Musica 70 80!

La brocca

Un’altra caratteristica peculiare dei 13th Floor Elevators era l’utilizzo dell’electric jug, una brocca elettrica che costituiva lo strumento principale di Tommy Hall.

Il suono dell’electric jug

Costituito da una brocca di vetro o ceramica, con un microfono all’imboccatura,  attraverso l’avvicinamento delle labbra a circa 2-3 centimetri dall’apertura, facendole vibrare ed emettendo al contempo un tono musicale, l’electric jug riusciva a produrre un suono estremamente particolare. Segnatamente un ibrido fra una fanfara, un minimoog e un tamburo cuíca, utilizzato nella sezione ritmica bassa di molti brani del gruppo.

  • 70-80.it podcast

L’uomo di Marte

Il gruppo si sciolse nel 1968, poco prima che Roky Erickson finisse ricoverato in un ospedale psichiatrico di Houston (dove rimase fino al 1972) a seguito della diagnosi di schizofrenia paranoide (per la sua convinzione di provenire da Marte, anche se si parlò di una simulazione per evitare il carcere per uso di droga).

Elettroshock

Da tale ospedale Erickson fuggì più volte, finendo poi rinchiuso al Rusk State Hospital for the Criminally Insane, dove rimase fino alla dimissione del ’72. Non prima di aver subito numerosi trattamenti di elettroshock.

  • 70-80.it app


Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_allowed_services
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_cookies_declined

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi

ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.