Gennaio 1978. Bandito attraverso una campagna di sensibilizzazione il colorante E 125. E per anni qualsiasi alimento rosso sarà guardato con sospetto

e 125

Il fine era lodevole: sensibilizzare i consumatori nei confronti di addittivi chimici negli alimenti pericolosi per la salute.
Il mezzo, tuttavia, appariva quantomeno non dosato. Una campagna di terrorismo mediatico che, attraverso, opuscoli distribuiti financo nelle scuole elementari, con bambini letteramente terrorizzati, metteva al bando una serie di coloranti alimentari. Tra cui il famigerato E 125 (scarlatto), insieme al colorante E 123 (amaranto), oggetto di diversa regolamentazione.

  • 70-80.it

… che si trovava ovunque

Col risultato che più che essere bandito il colorante E 125, da lì in poi, per molti anni, fu guardato con sospetto qualsiasi prodotto alimentare anche velatamente rosso. Così bibite, ghiaccioli, merendine, caramelle, ecc. furono oggetto di un martellamento psicologico infernale da parte di mamme, nonne, zie che richiamavano l’attenzione di noi bambini sul colore diabolico (in tutti i sensi). Ovviamente, al bando finirono anche diversi prodotti per adulti, come liquori e bevande.

La direttiva 76/399/CEE

La fonte normativa che aveva disposto il divieto era la Direttiva 76/399/CEE del Consiglio delle Comunità Europee, del 6 aprile 1976, relativa ad un aggiornamento “al ravvicinamento delle regolamentazioni degli Stati Membri sulle sostanze coloranti che possono essere impiegate nei prodotti destinati all’alimentazione umana“.

E 125

Divieto di colori

I coloranti vietati dal disposto comunitario erano: E 105 Giallo solido, E 111 Arancio GGN, E 121 Oricello, orceina, E 125 Scarlatto GN, E 126 Ponceau 6 R, E 130 Blu antrachinone (blu d’indantrene RS), E 152 Nero 7984, E 181 Terra d’ombra bruciata.
La norma europea precisava che “il divieto di tali sostanze deve essere posto in atto in modo da tutelare la sanità pubblica, evitando al tempo stesso, per quanto possibile, eventuali perturbazioni di carattere tecnologico ed economico”.

  • MCL Avvocati Associati

Decorrenza del divieto: 1° gennaio 1978

A decorrere dal 1° gennaio 1978, la commercializzazione dei prodotti destinati all’alimentazione umana contenenti una o più sostanze coloranti elencate era quindi da considerarsi vietata.

Tra tanti vietati, ricordiamo solo il colorante rosso. Perchè?

Tuttavia, stranamente, tutti noi ricordiamo solo il divieto relativo al colore rosso. Come mai? Una spiegazione sembra risiedere nel fatto che, tra tutti quelli inibiti, il colorante E 125 (insieme, come vedremo, tra poco, all’E 123) era uno di quelli più presenti negli alimenti. O forse perché il rosso era già da solo un segnale d’allarme?

E 125, E 123

Tossico anche il colorante E 123

Non a caso, come anticipato, insieme al codice E 125 un altro colorante affine, E 123 Amaranto, era stato in precedenza dichiarato tossico, come attestato dalla tabella storica sopra riportata.

  • Qui Radio Libera