Anni 80. Gli architetti ci attendono a pranzo e a cena presso il mobilificio Aiazzone, facilmente raggiungibile seguendo un mare di cartelli. E al sabato la Grande Festa!

aiazzone

Se non si nasce eredi, ma si vuol creare dal nulla qualcosa di importante, occorre essere fuori dall’ordinario. Capaci non solo di inventare il business giusto al momento giusto, ma anche di promuoverlo e pubblicizzarlo in prima persona. Tutto questo ha fatto Giorgio Aiazzone (1947-1986), il cui periodo d’oro è coinciso proprio con i nostri anni ‘70-80. 

aiazzone

Giorgio Aiazzone 

Nato in provincia di Biella nel 1947 da un artigiano mobiliere, più versato nella vendita che nella falegnameria, Giorgio sposa Rosella Piana, figlia del principale imprenditore della zona (ok: questo dobbiamo aggiungerlo al formulario del successo di cui sopra).

La visone

Si lancia quindi nella creazione della sua visione: un mobilificio con target primario le neo-famiglie, che attiri clienti da tutta Italia (isole comprese) grazie ad una serie di iniziative sempre più clamorose. 

  • 70-80.it app

Il re delle TV commerciali 

Tra la fine degli anni ‘70 e la prima metà degli anni ‘80 Aiazzone fa crescere il mobilificio ed il suo budget pubblicitario a livelli neppure sfiorati dalla concorrenza dei brianzoli (Grappeggia arredatutto in primis).

Tre miliardi in promozione

Giorgio Aiazzone arriva ad investire oltre 3 miliardi l’anno, pari al 10% del fatturato della sua azienda. Budget che verrà speso per promozioni sulla prima TV privata italiana, Tele Biella e successivamente in una rete sempre crescente di emittenti regionali e nazionali. 

  • 70 80 action Google Home
    Pubblicità

Il GAT. Gruppo Televisivo Aiazzone 

Fino alla creazione di una vera e propria stazione televisiva in-house con studi presso il mobilificio e l’acquisizione diretta di alcune importanti emittenti storiche.

Gli influencer

Per alcuni brevi anni il Gruppo Aiazzone Televisivo (GAT) diffonderà in tutt’Italia su innumerevoli canali gli eleganti ed infiniti discorsi dei due principali influencer: Guido Angeli (1931-2008, quello del Provare per credere) e Walter Carbone (1945). 

aiazzone

Focus sul target

Ma lo stanziamento per la pubblicità da solo non può fare la magia: serve individuare il target specifico e immaginare il messaggio giusto. Giorgio fa tutto in prima persona. Intanto l’obiettivo: le neo-coppie.

Oggi sposi

Per loro nasce l’Operazione sposi che comprende tra l’altro una cena esclusiva con gli architetti del mobilificio: che altro si può sognare per la prima notte di nozze? 

aiazzone

Laminato Plastico 

Ad esempio si può sognare un intero salotto a 450.000 lire e una cucina tipo rovere (o in laminato plastico) a 1.850.000 lire. Il tutto con la possibilità di pagamento in otto anni ed un’esclusiva vacanza gratuita…in Tunisia (che – va detto – ai tempi sembrava una meta esotica). 

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità

Come arrivare al mobilificio? 

In pochi erano in grado di individuare Biella su una cartina, ma niente paura: tanti i modi per arrivare al Mobilifico Aiazzone. Chi non voleva rinunciare alla propria vettura poteva optare per l’autostrada, uscendo a una certa Carisio e seguendo poi le indicazioni di un mare di cartelli. 

aiazzone

In pullman o in aereo 

Ma c’erano metodi più convenienti: oltre al servizio di pullman gratuiti in grado di navigare tra isole e terraferma si poteva anche chiamare direttamente un aereo (o almeno questo suggerivano gli spot su Retequattro). 

aiazzone

Mezzi di trasporto 

I mezzi di trasporto non mancavano certo ad Aiazzone: per approvvigionarsi del legno necessario alla costruzione delle cucine in laminato plastico ecco enormi navi che andavano ad imbarcare possenti tronchi direttamente in Africa. 

  • Ascolta 70 80 Hits HQ!

La Grande Festa 

Il mobilificio era aperto dal lunedì al sabato, ma i pranzi e le cene con gli architetti avevano luogo solo fino al venerdì. 
C’era una spiegazione: al sabato ci sarebbe stata la grande festa, nessun tempo da perdere in portate varie e successivi digestivi.  

  • Voci alla radio
    Pubblicità

Las Vegas? No grazie 

In cosa consistesse la grande festa non è dato sapere: non veniva spiegato in televisione, non esistono fotografie e nessuno degli innumerevoli siti che raccontano la storia di Aiazzone lo precisa. Ma siamo sicuri fosse un’esperienza elegante ed emozionante, lontana dalla provincialità dei ripetitivi concerti di Las Vegas. 

aiazzone

Eros e palissandro 

Allo scopo di dare alcune semplici lezioni di seduzione alle neo spose in alcune pubblicità una splendida fanciulla poteva essere vista nell’atto di spogliarsi entrando in una moderna camera da letto (da 1.250.0000 lire).  

aiazzone

Aspettative deluse 

Ma i sogni erotici andavano presto delusi: la ragazza avrebbe preferito giocare a carte dando le spalle al meraviglioso tv color gratis che veniva offerto per ogni arredamento completo. 

La città del mobile

Verso la metà degli anni ‘80 Giorgio concepì la città del mobile, uno shopping mall ante litteram esteso per oltre 40.000 metri quadrati.

  • 70-80.it app

L’aereo fatale 

Ma all’apice del successo, e poco prima dell’inaugurazione della città del mobile, Giorgio muore in un incidente aereo il 6 luglio 1986. Non ancora quarantenne.

Il tributo di Guido Angeli

La sua morte sarà oggetto di un tributo controverso (a metà tra l’orazione funebre e la televendita) su Rete A, da parte di un commosso Guido Angeli davanti ad una sedia vuota.

aiazzone

Epilogo 

Nessuno degli eredi riuscirà a affrontare le sfide degli anni a venire e –mancando l’anima dell’azienda –  nel 2008 il marchio verrà ceduto al concorrente Semeraro. (M.H.B. per 70-80.it) 

  • Ascolta 70 80 Hits HQ!


ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.