Anni 70. La Galup esporta il panettone piemontese in tutto il mondo e Macario ne è testimonial d’eccezione

Panettone Galup

Galup, in piemontese significa “goloso, prelibato”. Questo è il nome che nel 1922 Monsù Ferrua diede alla sua pasticceria nata a Pinerolo nei primi decenni del secolo scorso. Gli spot del piemontesissimo Macario (Erminio Macario, 1902-1980) accompagnarono il successo del marchio nel mondo.

Galup

La Galup

La Galup fu fondata nel 1922 come panetteria da Pietro Ferrua, langarolo di nascita e pinerolese d’adozione, in un edificio di mattoni rossi nel centro storico di Pinerolo. Nel 1937 la Pasticceria Galup divenne fornitrice ufficiale della Real Casa.

Moderna

In seguito il commendatore Pietro Ferrua la trasformò in una fabbrica moderna: la sede di 10.000 metri quadrati della Galup venne inaugurata nel 1948 in via Fenestrelle a Pinerolo. È qui che ancora oggi viene prodotto il panettone Galup.

  • 70-80.it app

Il panettone milanese

Il panetùn lombardo ha una base cilindrica che termina in una forma a cupola. È alto “come il Duomo” e sopra non ha nulla. Il modo caratteristico in cui viene tagliata la crosta superiore viene definito scarpatura.

Non meno del 20% di uvetta sultanina & c.

Deve contenere non meno del 20% in peso sul prodotto di uvetta sultanina, scorze di arancia candite e cedro candito sull’impasto non meno del 10% in peso di materia grassa butirrica sull’impasto.

panettone Galup

Il panettone piemontese

È un’invenzione di Pietro Ferrua, che ebbe una felice intuizione, quella di rielaborare un’antica tradizione lombarda per creare un nuovo classico della pasticceria piemontese. La versione piemontese del famoso panettone di Milano è un dolce basso e largo, ricoperto di glassa alle nocciole Piemonte e granella di zucchero.

  • Alexa: apri Musica 70 80!

La scelta del nome Galup

La scelta del nome fu del tutto casuale. In una riunione tra amici nel retrobottega della panetteria un’esclamazione di Mario Vignetta, noto artista pinerolese, battezzò il nuovo prodotto di casa Ferrua. Gustando una fetta di panettone appena sfornato gli sfuggì infatti un sincero “Ah l’è propri galup!”. 

confezione panettone Galup

La confezione con gli angoli smussati

La confezione doveva essere bassa e larga, come il panettone Galup. E per renderla riconoscibile e diversa da tutte le altre a Monsù Ferrua venne l’idea di dare al coperchio un perimetro ottagonale con i contorni smussati. Coperta da brevetto questa confezione è ancora oggi riproducibile solo da Galup. 

Macario Galup

Le campagne pubblicitarie

Fin dagli inizi Pietro Ferrua, precorrendo i tempi, ha creduto nell’importanza dei mezzi di informazione per far conoscere il suo prodotto al grande pubblico. Così nomi importanti hanno da subito accompagnato la crescita del goloso prodotto piemontese.

  • 70-80.it podcast

Con Coppi e Einaudi

Come Fausto Coppi (1919-1960), immortalato mentre assaggia il Galup appena sfornato; il Presidente Luigi Einaudi (1874-1961) nella sua visita allo stabilimento a Pinerolo e, soprattutto, gli spot di Macario.

Lo spot storico

Nello spot storico degli anni 70 Macario, nella ricostruzione di una Pinerolo del 1923, descrive la golosità del panettone, che, con la sua crema di nocciole Piemonte, è “la parte alta del panettone”. Alla fine degli anni 80 ne andò in onda anche una versione cartoonizzata

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità

Le scenette gastronomiche

Macario girò molti altri spot per la Galup. Si tratta di scenette in cui parlava di ogni tipo di specialità, come i funghi alla torinese, il risotto con gli scampi o la torta pasqualina alla ligure, tutte golosità che erano altrettanti pretesti per poi parlare del panettone Galup.

panettone Galup

Un successo travolgente

Negli anni del boom, fino agli anni 80, la Galup visse un successo travolgente, conquistando il mercato italiano e quelli internazionali. Sfondò soprattutto in Francia, nel Regno Unito, in Sudafrica e negli Stati Uniti.

  • La restaura persiane
    Pubblicità

Il declino e la rinascita

Ma con l’inizio degli anni 90 incominciò il declino dell’azienda, a causa dell’agguerrita concorrenza e il 1º ottobre 2012 la Galup dovette cessare l’attività. Pochi mesi dopo venne riacquistata da quattro imprenditori torinesi che fecero ripartire l’azienda per produrre prima le colombe pasquali e poi lo storico panettone.

  • Quei favolosi anni 70 di Enzo Mauri
    Pubblicità

La Galup oggi

La storia dell’azienda continua ancor oggi: dal 2014 è di proprietà dell’imprenditore Giuseppe Bernocco (1969), che ha deciso di rilanciarla puntando proprio sui prodotti tradizionali, utilizzando ingredienti di filiera selezionati. Il lievito madre è lo stesso dal 1922 che viene ravvivato ogni giorno con acqua e farina perché conservi intatte le qualità organolettiche.

panettone Galup

Un Marchio Storico di interesse nazionale

A marzo di quest’anno la Galup ha fatto il suo ingresso nel registro dei Marchi Storici di interesse nazionale. Galup ha potuto fare richiesta in quanto soddisfa i requisiti minimi che comprendono, oltre al fatto di essere un brand italiano, di essere attivi da minimo 50 anni e di rappresentare un’eccellenza storicamente collegata al territorio nazionale. Grazie a questa iscrizione, l’azienda potrà usare il logo del marchio storico sui propri prodotti (A.F. per 70-80.it)

  • 70 80 action Google Home
    Pubblicità


Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_allowed_services
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_cookies_declined

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi

ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.