1976: arriva in Italia la zoom ball Going, il gioco da spiaggia che spopola per poco più di due estati per poi finire in cantina

Going

I nati anteriormente ai primi anni ’70 ricordano un popolare gioco che nel 1976-1977 era diffusissimo sulle spiagge italiane: il Going.
Ma pochi sanno che, in origine, la Zoom Ball – questo era il vero nome del Going – prima di diventare una moda, aveva finalità terapeutiche, soprattutto per i bambini afflitti da autismo.

La Zoom Ball

Importato dagli Stati Uniti – dove si chiamava Zoom Ball – col nome che conosciamo, il Going era un gioco da spiaggia divenuto immediatamente un must nella seconda metà degli anni ’70, diffondendosi in tutto il mondo molto velocemente (in Germania si chiamava Rucki-Zucki).

Finalità terapeutiche

Nato con finalità terapeutiche per sviluppare la motricità in varie patologie dell’infanzia e dell’adolescenza, tra le quali l’autismo, il gioco Going consisteva in un ovale di plastica di colore arancione (ma erano disponibili anche altre colorazioni) nel quale passavano – tramite un buco presente lungo la sua lunghezza – due robusti cavi di nylon, che terminavano con delle maniglie.

Esercizio fisico

Il funzionamento era relativamente semplice: preso possesso delle manigle, il primo giocatore allargava le braccia, spingendo la palla lontano da sé, fino a farla pervenire al secondo, il quale, attraverso il medesimo movimento, la rispediva, con un esercizio fisico alla lunga piuttosto impegnativo per polsi e braccia.

Going

Vibrazioni e botte

Il Going, come per altri giochi del periodo, non era esente da controindicazioni, soprattutto in assenza di opportuno coordinamento o di eccessiva foga, creando contraccolpi molto forti che potevano determinare lussazioni a mani e polsi.

Effimero

Come accadde spesso coi giochi estivi, il Going, come il suo parente Frisbee (arrivato in Italia 4 anni prima), finì però presto dimenticato nelle varie cantine e garage, a rappresentare la caducità delle vacanze.

  • 70-80.it

 

Condividi: