1975. Chi era la Lilly che aveva dato il titolo al famoso brano di Venditti contenuto nell’omonimo LP, emblema della prima fase dell’artista?

Lilly

Quarto album di Antonello Venditti (1949), considerato il più esaustivo del suo percorso musicale prima della contestata svolta commerciale di Buona Domenica (1979), Lilly prendeva il titolo dalla title track che balzò ai primi posti nelle vendite.

Dediche

Con l’album Lilly, Venditti si toglie alcuni sassolini dalla scarpa, per esempio col brano Penna a sfera dedicato al giornalista di Ciao 2001, Enzo Caffarelli (1953), che lo aveva attaccato dalle pagine del giornale e ripercorre – come quasi sempre accade nei suoi LP – la nostalgia scolastica, questa volta con Compagno di scuola, rivolto ai compagni del Liceo Giulio Cesare (scuola che tornerà spesso nei suoi pezzi).

  • 70-80.it app

Quella ragazza che l’ha data a tutti meno che a te

Pezzo che però finisce sotto la censura della casa discografica RCA che si oppone alla strofa, modificato poi in “filava tutti meno che te”.

  • 70-80.it podcast
    Pubblicità

Il cane

Brani rilevanti di Lilly sono anche Lo stambecco ferito, metafora della violenza politica e L’amore non ha padroni, brano dedicato a Simona Izzo (1954), che Venditti aveva sposato in quell’anno. E, a proposito di tale canzone, una curiosità: il cane citato (“…e ti sei comprata un cane…“) è quello che, 7 anni dopo, Venditti citerà in Dimmelo tu cos’è (“Il nostro cane non mi riconosce più…”).

  • Alexa: apri Musica 70 80!
    Pubblicità

Lilly

Ma, ovviamente, il long playing è ricordato soprattutto per la triste Lilly, incentrata su una ragazza vittima della tossicodipendenza.

  • 70 80 action Google Home
    Pubblicità

Patrizia

Lilly era una ragazza che Venditti aveva conosciuto anni prima, Patrizia il suo vero nome, forse una compagna di infanzia (“eravamo due bambini … studiavamo insieme … i tuoi poeti maledetti … viaggiavamo insieme“).

A dispetto del testo

La vera Lilly, tuttavia, a dispetto del testo, non sarebbe morta di droga (“ti dovevano guarire“), nonostante gli effetti devastanti sul suo corpo della eroina (“senza capelli, senza denti per mangiare“) e sulla sua esistenza (“… li dovevano arrestare … quattro arance la domenica mattina… dopo due anni non mi riconoscevi…“). Anche se il cantautore non ha mai voluto svelarne il seguito esistenziale (in un’intervista del 2014 al Fatto Quotidiano si limitò a dire: “Spero sia ancora viva“).

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità


ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.