1966. Esso lancia in Italia la campagna Metti un tigre nel motore. E i ragazzi vanno a caccia di code di tigre, spille, matite ed adesivi

esso

E chi se la dimentica quella campagna della Esso? Forse la più potente degli anni ’60 nell’ambito dei carburanti.

Colpire i piccoli per influenzare i grandi

L’idea geniale dello slogan Put a tiger in your tank era venuta nel 1959 ad Emery Smith, un giovane copywriter di Chicago che era stato incaricato di produrre un annuncio su un giornale per promuovere le vendite di Esso Extra negli USA.

  • La restaura persiane
    Pubblicità

La mascotte Esso di inizio secolo

Eppure la tigre non era un’invenzione di Smith: era apparsa infatti per la prima volta come mascotte della Esso in Norvegia all’inizio del XX secolo.

esso

Esempio per il futuro

Tuttavia la nuova promozione della Esso fu considerata così innovativa da aprire la strada ad innumerevoli azioni pubblicitarie del futuro basate sul principio “colpire i piccoli per influenzare i grandi”.

  • 70-80.it podcast
    Pubblicità

Metti un tigre nel motore….

Così, nel 1966, la filiale italiana della Esso lanciò la campagna “Metti un tigre nel motore“, con una serie di disegni di una simpatica grande tigre appoggiata, sopra, dietro, davanti ad una pompa di benzina o comunque allocata in un distributore.

esso

… e tanti gadget in mano a tuo figlio

Come detto, la campagna, attraverso un nutrito set di gadget, puntava ai piccoli che facevano la gara per ottenerli. Gli elementi di supporto della campagna erano numerosi: dalla famosa morbida coda di tigre (2,5 milioni nei soli USA) alla spilla; dalle matite con la testa di tigrotto al pupazzetto; dal poster agli immancabili adesivi.

esso

La giacchetta di papà tirata dai figli…

E i ragazzi tiravano matti i genitori perché si rifornissero alle pompe della Esso. Tanto che in breve i distributori della compagnia petrolifera diventarono tra i più frequentati del periodo.

esso

Ispirazione musicale

La campagna della Esso ispirò anche il brano del 1964 I’ve Got A Tiger By The Tail del gruppo country statunitense Buck Owens and the Buckaroos, che dichiarò apertamente di aver avuto l’intuizione facendo rifornimento ad una stazione di servizio.

  • 70-80.it app

Forse non tutti sanno che….

Da allora Exxon Mobil (l’attuale Esso) contribuisce con 1 milione di dollari all’anno a sostenere il Save the Tiger Fund, che aiuta a preservare le tigri selvatiche rimaste in Asia.

  • Quei favolosi anni 70 di Enzo Mauri
    Pubblicità

 


ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.