Honesty di Billy Joel. Brano del 1978 titolato alla difficoltà di trovare sincerità, verità ed onestà

Billy Joel

«Honesty is such a lonely word Everyone is so untrue», è il famoso ritornello di uno dei maggiori successi di Billy Joel, cantante pianista newyorkese nato nel 1949.

L’influenza dei Beatles e di Elton John

Influenzato dai Four Seasons, dai Drifters, dai Beatles e soprattutto da Elton John (1947), Joel esordì nel mondo musicale nel 1971. Ma senza particolare successo.

  • 70-80.it app

1973

Solo due anni dopo, attraverso un album che conteneva Captain Jack, The Ballad of Billy the Kid e Piano Man, l’artista iniziò infatti a farsi notare nel panorama musicale.

  • La restaura persiane
    Pubblicità

La svolta del 1976

La svolta ebbe luogo tuttavia nel 1976 con l’album Turnstiles, che vedeva brani come Say Goodbye to Hollywood e New York State of Mind, realizzati con musicisti che avrebbero accompagnato Joel per 15 anni: Liberty DeVitto (1950), Doug Stegmeyer (1951-1995) e Richie Cannata (1949).

  • Alexa: apri Musica 70 80!
    Pubblicità

The Stranger

La consacrazione definitivo arrivò l’anno successivo, con l’album The Stranger, prodotto in collaborazione con Phil Ramone (1934-2013). Joel aveva conosciuto Ramone a Toronto, approfittando della pausa dalle scene che si era preso Elton John, il pianista britannico a cui Billy, come detto, si ispirava.

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità

10 mln di copie

Con oltre dieci milioni di copie vendute, due Grammy Awards per la migliore canzone e il miglior disco dell’anno (con Just the Way You Are), l’LP conteneva quelli che sarebbero diventati tre classici di Billy Joel: Big Shot, My Life e, appunto, Honesty.

  • 70 80 action Google Home
    Pubblicità


ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.