1986. Il grande equivoco di Samantha Fox cantante ed ex pornostar?

samantha fox

Nel 1986 tutti impazziscono per Touch Me (I Want Your Body), brano dance di una giovane e bella cantante inglese: Samantha Fox (1966).
Il brano scala le classifiche e nel giro di un anno il successo è bissato da Nothing’s Gonna Stop Me Now. A favorire l’attenzione pruriginosa, il gossip che Samantha Fox sarebbe una ex pornostar.

samantha fox

Samantha Fox cantante….

Non è così: si tratta di omonimia con una vera pornostar. Probabilmente opportunamente cavalcata a fini pubblicitari.

  • 70 80 action Google Home
    Pubblicità

Al massimo, nuda sul Sun

La prosperosa cantante (si dice che avesse al tempo assicurato il suo seno per 250.000 sterline) ed ex modella Samantha Fox aveva al massimo pubblicato proprie immagini su riviste erotiche (ancorché con nudo integrale).  Il 22 febbraio 1983, infatti, con il consenso e il supporto dei genitori, Samantha era apparsa in topless sulla Pagina 3 del famoso quotidiano inglese Sun.

  • Ascolta 70 80 Hits HQ!

… per una settimana e in formato A3

Giornale su cui sarebbe tornata nel 1995, in occasione del venticinquesimo anniversario della Pagina 3, con grande riscontro tra i lettori. Tanto che l’artista avrebbe posato per l’intera settimana dell’anniversario. Fino a quando, nel numero finale di venerdì, il Sun incluse una foto della Fox in topless in formato A3.

samantha fox

… e Samantha Fox pornostar

Niente a che vedere con l’altra Samantha Fox, al secolo Stasia Therese Angela Micula (1951-2020), attrice pornografica statunitense attiva durante gli anni settanta ed ottanta.

  • Alexa: apri Musica 70 80!
    Pubblicità

Mora e bionda

La Fox americana, peraltro, era molto diversa da quella inglese. Mora la prima, bionda la seconda. Che peraltro vantava anche qualche incursione nel mainstream. Come il film horror Night to Dismember (1983) o, con lo pseudonomo Stasia (o Stacia) Micula, nelle commedie C.O.D. (1981),  Sex Appeal (1986), Warrior Queen (1987) e Slammer Girls (1987).

  • 70-80.it app

Equivoco fino alla fine

L’equivoco continuò nell’aprile 2020, quando si diffuse la voce della morte negli USA per Covid di Samantha Fox. Il pubblico pensò alla cantante e qualche testata in effetti cadde nell’equivoco. In realtà ad essere deceduta era l’altra Samantha, la pornostar.

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità