1970: Crosby, Stills, Nash & Young registrano Our House, simbolo della disillusione degli hippies. Scritta in un’ora. Nash: mi andò in noia

our house

C’è un fenomeno psicologico di immotivata repulsione che spesso colpisce gli artisti nei confronti di una loro opera di successo e che ha tratti in comune con la sindrome di Münchhausen/Polle (che spinge la madre ad odiare il neonato).

Our House

Un’insofferenza che colpì anche il cantautore inglese Graham William Nash (1942, leader dei The Hollies), padre di una canzone simbolo di un’epoca: Our House, registrata insieme al supergruppo Crosby, Stills, Nash & Young per l’album Déjà Vu (1970).

  • 70-80.it app

Disillusione

Our House rappresenta “un’ode alla felicità domestica controculturale” e compendia, con un sapiente equilibrio di tristezza ed allegria, il risveglio degli hippies dopo le illusioni del 1968, tanto che venne impiegata quale colonna sonora del film di protesta del 1970 Fragole e sangue (The Strawberry Statement).

our house

Scritta in un’ora

Scritta mentre Nash viveva con la cantautrice canadese Joni Mitchell (1943) ed i suoi due gatti a Laurel Canyon (Los Angeles), Our House ha origine da un banale evento domestico: l’acquisto di un vaso economico sulla Ventura Boulevard.

  • Alexa: apri Musica 70 80!
    Pubblicità

E’ noiosa…

Nash, che ha ammesso di aver scritto il capolavoro in un’ora sul piano di Mitchell, ha spesso dichiarato di aver considerato “noioso” il pezzo già dal giorno successivo dalla sua registrazione.

  • La restaura persiane
    Pubblicità

… ma rappresenta tanto per molte persone

Anche se si è sempre sentito in dovere di suonarlo in quanto “denso di significato per tante persone“.

  • 70 80 action Google Home
    Pubblicità


ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.