1980. Sono solo canzonette, irriverente brano di Edoardo Bennato che disegnò una società purtroppo immutata ad oggi

edoardo bennato, sono solo canzonette

Che Edoardo Bennato (1946) fosse un artista fuori dagli schemi lo si comprese anche dalla pubblicazione a solo un mese di distanza dall’LP Uffà! Uffà! di Sono solo canzonette, concept album del 1980 ispirato alla storia di Peter Pan.

  • Alexa: apri Musica 70 80!

Successo clamoroso

Il 33 giri ebbe un successo clamoroso, con numerosi estratti di successo entrati nell’immaginario collettivo. Come, oltre ovviamente alla title track, i pezzi Ma che sarà…; Il rock di Capitan Uncino e L’Isola che non c’è.

  • 70-80.it app

Satira della società

Il testo del brano principale è una efficace satira della società. Partendo dal mito della carriera professionale (“Non potrò mai diventare Direttore generale delle poste o delle ferrovie”), passando dai media (“Non potrò mai far carriera nel giornale della sera anche perché finirei in galera!)”, la canzone è autoironica nei confronti dei cantautori tanto in voga in quel periodo (“Nella mia categoria è tutta gente poco seria, di cui non ci si può fidare!”).

  • 70 80 action Google Home
    Pubblicità

Critica dell’establishment

Ma la prosa è anche profondamente critica verso l’establishment. Rappresentative sul punto sono le strofe: “Guarda invece che scienziati, che dottori, che avvocati, che folla di ministri e deputati! Pensa che in questo momento, proprio mentre io sto cantando stanno seriamente lavorando. Per i dubbi e le domande che ti assillano la mente va da loro e non ti preoccupare sono a tua disposizione e sempre, senza esitazione loro ti risponderanno”).

edoardo bennato, sono solo canzonette

Gli impresari di partito

Senza risparmiare la politica:“Gli impresari di partito mi hanno fatto un altro invito e hanno detto che finisce male se non vado pure io al raduno generale della grande festa nazionale. Hanno detto che non posso rifiutarmi proprio adesso che anche a loro devo il mio successo”.

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità

Col senno di poi

Ascoltandola oggi si comprende quanto poco sia cambiata la società a quarant’anni di distanza dal dipinto di Bennato.

  • Quei favolosi anni 70 di Enzo Mauri
    Pubblicità


Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_allowed_services
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_cookies_declined

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi

ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.