1976. Oxygene, tributo strumentale alle tante sofferenze della Terra del francese Jean Michel Jarre che lo ha reso musicalmente immortale

jarre

Jean-Michel Jarre (all’anagrafe Jean-Michel André Jarre, 1948), è un musicista e compositore francese.
In Italia è conosciuto soprattutto per l’album Oxygène del 1976, registrato in uno studio improvvisato nella sua abitazione e che grazie alle sue dodici milioni di copie vendute è rimasto il suo grande successo commerciale.

Sei parti

Il disco, che consisteva in sei brani numerati come “parti” senza un titolo preciso, faceva largo uso di melodia, piuttosto che di ritmo o dissonanza. Fu realizzato con strumentazione interamente analogica al fine di creare un suono articolato e melodioso.

  • 70-80.it app

L’Eco di un successo

La strumentazione con cui l’album fu realizzato comprendeva l’organo elettronico Eminent 310, la drum machine Korg Minipop e un largo uso dell’eco per riempire i suoni ed effetti generati dal sintetizzatore.

  • 70 80 action Google Home
    Pubblicità

80 mln

Dopo Oxygene, Jarre ha mantenuto uno standard di popolarità alto e fino a oggi risulta aver venduto circa ottanta milioni di copie fra album e singoli.

  • Alexa: apri Musica 70 80!
    Pubblicità

Leader in Cina

È stato il primo musicista occidentale a esibirsi nella Repubblica Popolare Cinese e occupa cinque posizioni su venti nel Guinness dei primati per i più grandi concerti della storia. Come quello tenuto a Mosca nel 1997, atto a celebrare l’ottocentocinquantesimo anniversario della città.

  • MCL Avvocati Associati
    Pubblicità


ascolta il tuo brano preferito!

Chiedi che il tuo brano preferito degli anni ’70 e ’80 sia inserito nella nostra programmazione inviando una email a info@planetmedia.it.